AVVELENAMENTO IN GB CON GAS NERVINO/ “A Mosca qualcuno agisce all’insaputa di Putin”

Nel Regno Unito si torna a respirare l’aria inquietante di spie dei tempi della Guerra fredda dopo un nuovo caso di avvelenamento con gas nervino russo. STEFANO PIAZZA

06.07.2018 - int. Stefano Piazza
theresa_may_regnounito_comuni_brexit_lapresse_2017
Theresa May (Lapresse)

C’è paura in Gran Bretagna, c’è panico e preoccupazione tra il villaggio di Amesbury e quello di Salisbury, che distano una decina di chilometri fra loro. Nel secondo di questi a marzo finirono avvelenati con del gas nervino di sicura fabbricazione russa proprio una ex spia russa, Serghei Skripal e la figlia, fortunatamente sopravvissuti. Adesso a Amesbury altre due persone sono state ricoverate in condizioni gravissime, anche loro colpite dal medesimo gas, il “Novichok”, fabbricato dall’Unione Sovietica negli anni Ottanta. Secondo Vladimir Uglev, uno degli scienziati che creò il gas, esso ha la qualità di diffondersi nell’aria e quindi colpire indistintamente. Secondo Stefano Piazza, esperto di sicurezza e terrorismo intervistato da ilsussidiario.net, questa ipotesi “è altamente improbabile altrimenti le vittime sarebbero molte di più. Bisogna indagare al Cremlino, dove esistono personaggi che operano all’insaputa dello stesso Putin”.

Il nuovo episodio di avvelenamento, secondo uno dei creatori del gas nervino usato in questo e nel precedente episodio, sarebbe motivato dalla dispersione nel territorio inglese, è un’ipotesi accettabile?

Direi che è un’ipotesi alquanto fantasiosa. E’ stato provato che il gas usato arrivò direttamente dalla Russia in una boccetta di profumo nascosta nella valigia della figlia dell’ex spia. E’ chiaro che per poter commentare con vera cognizione di causa bisogna essere un chimico, ma il buon senso è sufficiente per dire che è una dichiarazione poco realista, altrimenti ci sarebbero stati molti altri casi negli scorsi mesi. Mi sembra francamente improbabile.

Che idea si è fatto del nuovo episodio di avvelenamento?

Bisogna indagare a fondo, vedere che attività svolgessero le due nuove vittime, che rapporti avessero con i russi e con l’ambiente dello spionaggio. In Inghilterra di personaggi come Skripal ce ne sono tantissimi.

Al tempo del caso Skripal si era parlato di una faida, una vendetta, nell’ambiente dello spionaggio precedente la caduta dell’Unione Sovietica. Questa può essere una pista credibile?

Sicuramente la vicenda di Skripal affonda le radici nel passato, ci sono una serie di vicende, di fughe in occidente in particolare di russi che lavoravano per i servizi segreti ma non solo loro, i cui conti vengono regolati da anni. Il clima è molto pesante, anche se fino a questo nuovo episodio non se ne parlava più. Va ricordato che ci sono personaggi come Abramovic a cui il governo inglese ha tolto il permesso di soggiorno e che adesso, trasferitosi in Israele, è diventato l’uomo più ricco di quel paese. Sicuramente questo nuovo episodio non farà che peggiorare i rapporti tra Mosca e Londra che già sono ai minimi storici.

Può essere, come già si disse, che a Mosca ci siano personaggi che agiscono senza che Putin ne sia al corrente?

Ci sono diverse teorie, quella delle vendette trasversali tra le spie, c’è la pista della cosiddetta “Druzya”, un gruppo di vecchi amici di Putin, un largo gruppo di persone vicine al Cremlino che decidono come gesto di benevolenza verso Putin di sistemare conti in sospeso senza che lui neanche lo sappia. Resta che in Russia i giornalisti spariscono e muoiono, gli oppositori pure e gli ex agenti legati alla Russia hanno problemi con sostanze tossiche. Questo è il quadro.

Può essere che anche Londra tenga nascosta la verità?

Sicuramente tutti i servizi di intelligence nascondono qualcosa o raccontano quello che vogliono. Su questa vicenda è difficile capire cosa stia veramente accadendo; resta il fatto che questa sostanza usata per avvelenare delle persone è provato che giunge dalla Russia. Possiamo fare tutti i ragionamenti che vogliamo ma la pista punta a Mosca, non c’è da discutere. E’ molto strano che con il livello di antiterrorismo che c’è nel Regno Unito non si sia ancora trovata una traccia concreta da parte degli agenti inglesi.

Dopo la caduta del Muro di Berlino e con le nuove tecnologie veniamo a conoscenza di più cose, c’è da immaginarsi quanti casi analoghi come questo avvenissero prima della caduta del Muro di Berlino senza che l’opinione pubblica ne fosse al corrente.

Moltissimi, chi ha buona memoria e capelli grigi si ricorda di tantissime di queste vicende in tutta Europa e anche in Italia, di persone morte misteriosamente e di tante altre delle quali non abbiamo saputo niente. Quanto sta accadendo è molto inquietante.

(Paolo Vites) 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori