Onu, Neve il primo bebè nel Palazzo di Vetro / La bimba di tre mesi è la figlia di Jacinda Arden

- Matteo Fantozzi

Neve è il primo bebè ad entrare con un pass nel Palazzo di Vetro dell’Onu. Si tratta della figlia di Jacinda Ardern la Premier della Nuova Zelanda. La storia commuove il web.

bambino_01_pixabay
Immagini di repertorio (foto da Pixabay)

Si chiama Nene Te Aroha ed è una bambina speciale, infatti a soli tre mesi è la più giovane ad entrare nel Palazzo di Vetro cioè l’ufficio delle Nazioni Unite che si trova a New York. La sede dell’Onu è stata “invasa” da biberon e pannolini con la bimba che ha ricevuto il pass per entrare insieme alla sua mamma, Jacinda Ardern premier della Nuova Zelanda. Al fianco della classica D rossa sul Badge è comparsa anche l’inedita carica di First Baby. Va specificato che la Ardern non è il primo ministro a partorire durante la sua carica, ma accadde anche nel 1990 a Benazir Bhutto. E’ invece la prima ad aver preso l’aspettativa di maternità. Durante i lavoro dell’Onu a tenere in braccio la piccola è stato Clarke Gayford che è il compagno della donna e il papà della bambina. Una storia che in poco tempo ha fatto il giro del web e commosso tutti.

IL DEBUTTO DI JACINDA ARDERN

Jacinda Ardern ha fatto il debutto ieri all’Onu intervenendo durante il summit della pace convocato da Antonio Guterres, segretario generale delle nazioni unite. L’evento era stato studiato in concomitanza con il centenario della nascita di Nelson Mandela. Il papà della bimba, Clarke Gayford, su Twitter ha poi scritto: “Avrei voluto catturare quello sguardo sbalordito di una delegazione giapponese che è entrata in una sala riunione mentre stavo cambiando il pannolino”. Di certo è una storia particolare che rende tutto più umano anche l’intervento di un organo che spesso è stato criticato per essere legato a questioni fortemente morali ed essere estremamente depersonalizzato. Una critica molto fuorviante anche e soprattutto per diversi eventi poi smentiti coi fatti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori