Fabrizio Pregliasco/ “Mettiamo alcuni paletti per incentivare la vaccinazione”

- Carmine Massimo Balsamo

Il virologo Fabrizio Pregliasco sull’origine del Covid: “Nato in laboratorio? Plausibile ma impossibile saperlo”

fabrizio pregliasco
(Tagadà)

Il green pass per incentivare la vaccinazione, un mezzo per poter convincere gli italiani ad aderire alla campagna. Così Fabrizio Pregliasco ai microfoni di Adnkronos: «Il green pass fa parte di quei tentativi che ogni nazione sta cercando di attuare per fare fronte a questa emergenza. Non c’è un manuale di gestione, il concetto è quello di vaccinare tutti e di stare attenti a ogni contatto interumano».

Nel corso del suo intervento, Fabrizio Pregliasco ha messo in risalto: «Alcune nazioni sono state più temerarie, ma l’Inghilterra si trova in una condizione peggiore. Interpretando il green pass, l’elemento è quello di dire: “Ti rompo le scatole con alcuni paletti che ti impediscono di fare alcune cose, così da farti vaccinare”».

FABRIZIO PREGLIASCO SULL’ORIGINE DEL COVID

Oggi il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità ha rilanciato i dubbi sull’origine di Sars-CoV-2, annunciando ulteriori indagini, Fabrizio Pregliasco ha commentato così ai microfoni di Adnkronos: «A meno di una confessione completa con tutte le testimonianze, sarà difficile stabilire se il virus è stato creato in laboratorio». L’esperto ha poi aggiunto: «Nemmeno una confessione basterebbe a questo punto. Servirebbero una serie di atti circostanziati che lo evidenzino. Sarà impossibile. Chi lo sa, è plausibile, ma in un discorso che è poco più che da bar. C’è la possibilità teorica».



© RIPRODUZIONE RISERVATA