GI GROUP/ Con acquisizione OnTime Group raddoppia presenza in Germania

- La Redazione

Gi Group, la prima multinazionale italiana del lavoro, rafforza la sua presenza in Germania con l’acquisizione di OnTime Group

stefano colli lanzi gigroup
Stefano Colli Lanzi, Ceo di Gi Group

Gi Group, la prima multinazionale italiana del lavoro, rafforza la sua presenza in Germania con l’acquisizione di OnTime Group. Fondata nel 2003, OnTime Group è attiva sia nel segmento del temporary e permanent staffing, sia in quello della national e international mobility con il brand House of Jobs. Presente in Germania con 23 filiali e un organico di oltre 100 persone, nel 2018 ha sviluppato un fatturato di 71,5 milioni di euro.

Con questa acquisizione la presenza di Gi Group in Germania supererà le 60 filiali, per un fatturato complessivo di oltre 150 milioni di euro totali e più di 4.000 lavoratori FTE (Full Time Equivalent) avviati al lavoro, posizionandosi tra le prime 20 agenzie per il lavoro tedesche.

“OnTime Group è una realtà perfettamente sinergica rispetto a Gi Group Germania – commenta Stefano Colli-Lanzi, CEO di Gi Group -. La copertura territoriale di OnTime non si sovrappone con quella attuale di Gi Group e ci permetterà, pertanto, di avere una presenza più capillare su tutto il territorio tedesco; riusciremo in questo modo ad essere più vicini alle esigenze di aziende e candidati. A livello di servizio, inoltre, questa operazione ci consentirà di integrare nella nostra value proposition, oltre al servizio di temporary e permanent staffing, anche la national e international mobility, fiore all’occhiello di OnTime Group, che potrà diventare un asset non solo per il mercato locale, ma per tutto il Gruppo nel mondo.”

L’operazione avviene in concomitanza con la chiusura del bilancio d’esercizio 2018, dove il Gruppo ha registrato 2,3 miliardi di euro di giro d’affari globale, in crescita del 13,5% sul 2017 (rispetto a una media di mercato della staffing industry di + 1,5%*), un EBITDA di 60 milioni di euro e il 45% del fatturato generato fuori dall’Italia (rispetto al 42,7% del 2017). In questo scenario e alla luce dell’ultima operazione, la Germania diventa il quarto paese per giro d’affari nel Gruppo dopo Italia, Gran Bretagna e Cina.

“Con l’acquisizione di OnTime Group – continua Colli-Lanzi – rilanciamo in modo deciso la nostra presenza su un mercato come quello tedesco che rimane strategico per dimensioni e presenza di top player, nazionali e internazionali. Questa operazione è, inoltre, coerente con il nostro obiettivo di diventare un player globale da 6 miliardi di euro entro i prossimi 5 anni.”

Fondata nel 1998, Gi Group inizia nel 2007 il processo di internazionalizzazione con la prima acquisizione estera in Germania; oggi è presente in 28 Paesi nel mondo tramite presenza diretta, 57 con le partnership.

© RIPRODUZIONE RISERVATA