Giuseppe Uva, oggi sentenza Cassazione/ Pg chiede nuovo processo per 8 imputati

- Silvana Palazzo

Giuseppe Uva, oggi la sentenza della Corte di Cassazione: giudici riuniti in camera di consiglio. Il Pg ha chiesto un nuovo processo per 8 imputati, due carabinieri e sei poliziotti

giuseppe uva iene 640x300
Giuseppe Uva (Le Iene)

Si attende la sentenza sul caso di Giuseppe Uva, il 43enne morto nel 2008 all’ospedale di Varese dopo essere stato fermato dalle forze dell’ordine e aver trascorso la notte in caserma. I giudici della Cassazione sono riuniti in camera di consiglio per il verdetto, che è atteso nella serata di oggi. Sul banco degli imputati ci sono sei poliziotti e due carabinieri, secondo cui non hanno mai fatto del male all’uomo e di aver seguito le procedure. Il pg della Cassazione Tomaso Epidendio va annullata la sentenza con rinvio. Lo ha dichiarato al termine della requisitoria nel corso dell’udienza alla V sezione penale in Corte di Cassazione. Si chiede quindi un nuovo processo per gli otto imputati, accusati di omicidio preterintenzionale e sequestro di persona aggravato. Erano stati assolti in primo grado e in appello «perché il fatto non sussiste». Ma lo scorso ottobre sono stati presentati due ricorsi: uno delle parti civili, l’altro della procura generale di Milano. La famiglia di Giuseppe Uva è convinta che la morte sia stata provocata dalle percosse e dalle manganellate inflitte all’uomo dagli agenti che lo tenevano in custodia.

GIUSEPPE UVA, OGGI SENTENZA CASSAZIONE: LA VICENDA

Per i giudici di primo grado e appello, invece, la condotta dei carabinieri e dei poliziotti è stata legittima. Giuseppe Uva per i giudici morì a causa di una patologia cardiaca e per lo stress visto che era stato fermato in stato di forte ebbrezza alcolica. La vicenda risale al 14 giugno 2008. Alcuni abitanti di via Dandolo, a Varese, allertarono i carabinieri perché due uomini, Giuseppe Uva e l’amico Alberto Biggiogero, stavano urlando e disturbando. I militari chiesero l’aiuto della polizia, che mandò due volanti, poi identificarono i due uomini e li portarono in caserma. Lì i due amici vennero separati e Biggiogero sentì le urla dell’amico. Chiamò il 118 spiegando che i carabinieri stavano picchiando l’amico, ma l’ambulanza venne rifiutata dalle forze dell’ordine. Poco dopo però gli stessi carabinieri chiamarono un medico. Il dottore provò a calmare il paziente, ma senza successo, e quindi venne richiesto un Tso. L’ambulanza arrivò all’ospedale di Varese, dove furono somministrati dei calmanti a Giuseppe Uva, che però alle 10 della mattina successiva morì.



© RIPRODUZIONE RISERVATA