Heidi Klum shock: “Bevo il sangue di mio marito”/ “Questo il mio segreto per rimanere giovane”

- Anna Montesano

Heidi Klum: “Il mio segreto per rimanere giovane? Bevo il sangue di mio marito”. L’ex top model lancia la provocazione shock

heidi klum tom kaulitz ig 640x300
Heidi Klum e Tom Kaulitz (Foto: Instagram)

Heidi Klum: “Il mio segreto per rimanere giovane? Bevo il sangue di mio marito”

Quasi 50 anni e un fisico statuario, Heidi Klum continua ad essere uno dei simboli della bellezza da passerella nonostante lo scorrere degli anni, motivo per il quale la domanda che le viene spesso posta è: “Qual è il tuo segreto?” Quesito di fronte al quale la top model tedesca si è ritrovata anche nel corso dell’intervista rilasciata a Daily Pop, e al quale ha voluto rispondere lasciando tutti senza parole.

“Bevo il sangue giovane di mio marito“, è stata infatti la risposta di Heidi Klum alla fatidica domanda. Il marito in questione, il suo terzo, è il chitarrista dei Tokio Hotel Tom Kaulitz. “Succhio il suo giovane sangue, come un vampiro“, ha poi aggiunto l’ex modella che ha chiaramente voluto lanciare una provocazione e svincolare con ironia la domanda di fronte alla quale si ritrova spesso.

Heidi Klum e il rapporto col marito Tom Kaulitz

L’intervista è dunque proseguita parlando proprio del rapporto col marito Kaulitz, che procede senza intoppi: “Il tempo è volato via – ha spiegato Heidi Klum, sposata con lui dal 2019 -, ma la nostra intesa è così forte che sembra una vita che stiamo insieme.” Così ha aggiunto: “Lo conosco così bene… mi sento finalmente di aver trovato l’uomo giusto. Finora il nostro matrimonio va a gonfie vele e spero che rimanga così a lungo”.

L’ex modella ha spiegato infine di sentirsi bene in questo momento della sua vita: “Sono una persona felice. Per la prima volta ho un partner con cui posso discutere di tutto. Qualcuno che condivide i doveri che tutti noi abbiamo nella nostra vita. Prima ero sola in tutto. Per la prima volta, posso sperimentare com’è effettivamente avere un partner”, ha concluso.







© RIPRODUZIONE RISERVATA