Motorola G6 plus/ Recensione: punta forte su display e prezzo, processore Snapdragon 630

Motorola G6 plus, la recensione dell’ultimo modello dell’azienda statunitense: punta forte su display e prezzo, processore Snapdragon 360, tutte le caratteristiche

motorola_g6plus_twitter_2018
Motorola G6 plus (Twitter)

Motorola G6 plus, l’azienda statunitense di Chicago ha presentato i “Moto” appartenenti alla famiglia G6. Appartenente a Lenovo Mobile Business Group, Motorola ha deciso di puntare forte su display molto ampi con software Android 8 Oreo e processori Qualcomm Snapdragon. Come sottolineato dai colleghi de Il Sole 24 Ore, la caratteristica predominante è la buona qualità dei materiali utilizzati a un prezzo che si pone nella fascia medio-bassa del mercato. Moto G6 Plus dispone di un display Max Vision Full HD+ da 5,9’’ in formato 18:9. Presente una doppia fotocamera posteriore, di cui una con sensore da 12 MP, mentre quella anteriore è da 8 MP. La scocca posteriore è in vetro 3D, mentre per quanto riguarda il lato hardware, il device è composto da un processore Snapdragon 630 con GPU Adreno 508 supportato da 4GB di memoria Ram e 64GB di storage (espandibile tramite Micro SD). La batteria, infine, è da 3200 mAh con Turbo Power. Prezzo consigliato? 299 euro.

MOTOROLA G6 PLUS

Motorola ha deciso di rilanciare la propria sfida nel mercato degli Smartphone, cercando di imporsi nella fascia medio bassa degli utenti. Moto G6 Plus è il fiore all’occhiello, in particolare per quanto riguarda le caratteristiche tecniche e l’equipaggiamento tra processore, memorie, fotocamere e display. Il sito specializzato hwupgrade.it sottolinea che i miglioramenti sono visibili rispetto al passato per quanto concerne l’hardware e la batteria, con l’aumento di amperaggio. Il design è stato preso in prestito dal Moto X4, ma il risultato è comunque ottimo: smartphone raffinato ed elegante, con la parte anteriore che vede primeggiare un display ampio e privo di cornici. Nel retro,invece, il vetro permette il caratteristico effetto specchiato, bello soprattutto per la possibilità di vedere i riflessi della luce.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori