I NUMERI DEL TURISMO/ Th Resorts chiude in positivo l’alta stagione

- Matteo Fantozzi

Le strutture in Valle d’Aosta, Piemonte e Trentino Alto Adige hanno fatto registrare un elevato numero di presenze nonostante la diffusione dei contagi da Covid-19

TH La Thuile esterno CS1280 640x300
Il Planibel di La Thuile

Bilancio positivo per il gruppo TH Resorts, leader nel segmento montagna, per il periodo di alta stagione che si è appena concluso. Da Natale all’Epifania sono state infatti 60.000 le presenze nelle strutture del Gruppo, dalla Valle d’Aosta al Trentino Alto Adige. Le incertezze legate alla diffusione del Covid-19 e gli obblighi imposti dal Governo per limitare i contagi non hanno dunque scoraggiato le partenze per le vacanze durante il periodo natalizio.

“In un momento in cui la pandemia è ancora in corso – sottolinea Stefano Maria Simei, Direttore Commerciale & Marketing TH Groupabbiamo registrato affluenze importanti, a tratti anche il tutto esaurito e siamo vicinissimi ai risultati raggiunti nella stagione invernale 2019/ 2020. Gli indicatori di Th Resorts segnano una variazione in positivo per quanto riguarda la clientela italiana (+15%) e un dato invece ancora negativo per quanto attiene le presenze straniere (-20%), sempre facendo riferimento a due inverni fa.

Per raggiungere questi risultati il gruppo Th Resorts ha lavorato molto e siamo soddisfatti che il nostro impegno sia stato apprezzato. Abbiamo applicato rigorosamente tutti i protocolli sanitari e abbiamo puntato sulla sicurezza e la serietà. La nostra è un’ospitalità di qualità e i clienti se ne sono accorti”.

TH Resorts possiede una decina di strutture di montagna che si trovano a Corvara, Sestriere, Madonna di Campiglio, Courmayeur, Pila, Marilleva, Passo san Pellegrino e La Thuile. Nelle strutture sono impiegati centinaia tra dipendenti e collaboratori che hanno dimostrato grande sensibilità alla campagna vaccinale e che lavorano con tutti i dispositivi di protezione previsti. Le procedure interne prevedono la presenza costante di medici e screening e una gestione efficiente delle quarantene per i casi di positività al virus.

“Casi di persone positive al Covid ci sono stati nelle nostre strutture di Th Resorts– aggiunge Simei – ma sempre con pochissimi sintomi e la quasi totalità dei nostri ospiti si è negativizzata al primo tampone di uscita. Nei casi di quarantene del personale non è stato semplice trovare dei sostituti e tutti, dai manager di sede ai direttori di resort, dai dipendenti ai collaboratori, hanno lavorato di più con costi aggiuntivi complessivi per tutto il Gruppo. Nonostante la fatica possiamo però dire di avercela fatta”.

Il rispetto delle regole e dei protocolli da parte degli operatori del settore garantisce dunque a tutti di poter organizzare, anche in tempi di pandemia, una vacanza sulla neve in sicurezza. Dopo l’alta stagione si apre il periodo delle settimane bianche e TH Resorts è pronto a soddisfare non solo le prenotazioni in anticipo ma anche le richieste last minute.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori