IL CACCIATORE 2/ Anticipazioni 26 e 19 febbraio: Brusca in difficoltà, e Saverio…

- Morgan K. Barraco

Il Cacciatore 2, diretta 19 febbraio 2020 e anticipazioni 26 febbraio 2020. Nella seconda puntata, Saverio Barone provoca Brusca.

il Cacciatore 2
Il Cacciatore 2, in prima Tv assoluta su Rai 2

Anticipazioni seconda puntata Il cacciatore 2

Il Cacciatore 2 torna con la seconda puntata mercoledì 26 febbraio 2020. L’episodio 3, dal titolo Venti febbraio, vede Giovanni Brusca messo finalmente alle strette. Il Pm Saverio, infatti, individua e inizia a tampinare uno degli uomini più fidati del boss, Giuseppe Monticciolo, detto Il Tedesco. È lui quello che ha costruito la prigione di Gambascio, e Barone si persuade che Monticciolo possa aiutarli a mettersi sulle tracce di Brusca. C’è però un’altra caccia che prosegue di pari passo rispetto a quella di Saverio. Anche Bernardo Provenzano e Pietro Aglieri, infatti, hanno intenzione di mettersi in contatto col boss. Lo scopo? Intimargli di porre fine alle violenze. Nel frattempo, Giovanni si ritrova di nuovo solo. Il fratello Enzo, infatti, ha preso a frequentare Maria, la quale non conosce ancora la sua vera identità. Nell’episodio 4, Terra bruciata, Saverio cerca a tutti i costi di stanare Giovanni Brusca. Lo fa tirando in ballo i media e sbeffeggiandolo pubblicamente; non ha messo in conto, infatti, che provocarlo potrebbe voler dire mettere a serio rischio la sua vita e quella dei suoi cari. (agg. di Rossella Pastore)

Il cacciatore 2: diretta prima puntata

Doppio appuntamento, questa sera, con la serie Tv Il Cacciatore 2, in onda tutti i mercoledì su Rai2 a partire proprio da oggi. Il secondo espisodio, dal titolo Resistere, vede al centro la famiglia Barone. Saverio, infatti, non ne può più di trascurarla in favore del suo lavoro. Per lui è un momento di grande difficoltà. Ed è proprio in questo momento che necessita del sostegno di Giada, sua moglie da pochi giorni. Intanto, nel’ufficio del procuratore capo Elia, si presenta Francesca Lagoglio, agente di polizia in declino. La Lagoglio sostiene di avere una pista valida che può condurre facilmente gli inquirenti a Bernardo Provenzano. Giovanni Brusca si trova ancora nel suo nascondiglio. Per il momento, Saverio non riesce ancora a stanarlo. Ma Brusca è in crisi. Non solo deve nascondersi, ma deve anche fare i conti con gli affari che riguardano chi gli sta più vicino, vale a dire suo fratello e suo padre. Anche il narcotraffico gli sta sfuggendo di mano. Riuscirà Saverio ad avere la meglio su di lui? (agg. di Rossella Pastore)

LE INDAGINI PROSEGUONO

Al via la caccia di Saverio Barone (Francesco Montanari) nella serie Tv Il Cacciatore 2. Nella puntata di stasera, composta dagli episodi Fino a che non moriamo e Resistere, ritroviamo i nostri protagonisti all’inizio dell’anno 1996. È il 2 gennaio, più precisamente, e Saverio e Giada si sono appena sposati. Saverio fa sapere ai colleghi che vuole prendersi un po’ di tempo per lui e sua moglie, visto che ultimamente pensa sempre e solo al lavoro. È vero, la sua è più che altro una missione, ma è inconcepibile che non sia a casa nemmeno per la prima notte di nozze. Nel congedarlo, un collega gli porge una ricetrasmittente: in questo modo, in caso di novità, potranno facilmente comunicare. La squadra sta indagando sul caso Giovanni Brusca, il boss di Cosa Nostra succeduto a Leoluca Bagarella che – stando all’informazione fornita loro da un pentito – si nasconderebbe in una villa. La notizia non è tanto recente, e per questo non c’è tempo da perdere. Barone deve ricominciare subito a indagare, ma deve farlo anche con una certa cautela. In caso di mosse azzardate, infatti, il piccolo Giuseppe Di Matteo potrebbe rimetterci la vita. (agg. di Rossella Pastore)

APERTA LA CACCIA

Francesco Montanari è il protagonista della seconda stagione de Il Cacciatore, la fiction di Rai 2 in onda a partire da stasera, mercoledì 19 febbraio 2020. Il suo personaggio, Saverio Barone, è ispirato alla figura di Alfonso Sabella, che in questa stagione dà la caccia a Giovanni Brusca per vendicare la morte del piccolo Giuseppe Di Matteo. “E’ una serie molto action, avvincente ed emotiva”, anticipa Montanari a Tvblog. L’attore è entusiasta del risultato finale e fiero di averne preso parte. Per lui, si tratta di un lavoro dal grande valore morale e artistico. Non è un caso che abbia anche ricevuto un prestigioso premio a Canneséries: “Siamo stati un po’ ‘pionieri’ con questa serie. Il premio? Non me l’aspettavo sinceramente. Il premio è solo una bellissima certificazione che il tuo lavoro sia arrivato a qualcuno. Ma il resto è fuffa, l’ego, lo lecchi per 5 secondi poi finisce lì! E’ una certificazione anche per il prodotto perché il prodotto sostiene tutto e il fatto che venga riconosciuto in una comunità internazionale vale ancora di più”. (agg. di Rossella Pastore)

ATTESA CRESCENTE PER I NUOVI EPISODI

Manca poco all’inizio della fiction Il Cacciatore 2 che ritrova Francesco Montanari nei panni del protagonista Saverio Barone, personaggio ispirato alla figura di Alfonso Sabella. Momenti difficili lo attendono in questa seconda stagione, a partire dai primi due episodi in onda oggi, in prima serata, su Rai 2. Sabella dovrà darà la caccia a Giovanni Brusca e vendicare la morte del piccolo Giuseppe Di Matteo. “Sarà una caccia all’uomo feroce – ha ammesso l’attore romano in un’intervista a TvBlog – perché Saverio Barone avrà una grande voglia di vendicare la morte del piccolo Di Matteo, il fallimento più grande della sua vita.” E aggiunge: “È un fallimento che lo porta ad impazzire e ad entrare in modalità vendetta contro Brusca. È una caccia da lupo mannaro! E’ una serie molto action, avvincente ed emotiva.” Parole che non fanno che alimentare l’attesa per i nuovi episodi. (Aggiornamento di Anna Montesano)

IL CACCIATORE 2, TORNA FRANCESCO FOTI NEI PANNI DI CARLO MAZZA

La seconda stagione de Il Cacciatore andrà in onda su Rai 2, a partire da stasera, mercoledì 19 febbraio 2020. Tra i protagonisti torna anche Francesco Foti nel ruolo di Carlo Mazza, collega e migliore amico di Saverio Barone (interpretato da Francesco Montanari), personaggio ispirato alla figura di Alfonso Sabella. Intervistato per TvBlog, l’attore ha parlato dell’evoluzione del suo personaggio ma ha soprattutto svelato che questa seconda stagione è stata “faticosissima!”. Infatti spiega: “La prima stagione era impegnativa ma c’erano momenti di leggerezza. Nella seconda stagione, le scene che ho girato in tranquillità saranno state, sì e no, 3! In tutte le scene, c’è sempre stato un retro di “qualcosa”, un retro di “non detto”, un retro che devi portare… E’ stato meravigliosamente impegnativo.” Un viaggio molto bello e intrigante, dunque, che coinvolgerà i telespettatori a partire da questa sera. (Aggiornamento di Anna Montesano)

IL CACCIATORE 2, LE ANTICIPAZIONI DEL REGISTA

Il cacciatore 2, tratto dal libro “Cacciatore di mafiosi” di Alfonso Sabella, va in onda questa sera, 19 febbraio, su Rai 2. Dopo aver svelato i primi dettagli sulle anticipazioni dei nuovi episodi, scopriamo qualcosa in più attraverso le parole del regista Davide Marengo, che ha già diretto la prima stagione con Stefano Lodovichi. “In continuità con il linguaggio della precedente stagione”, ha spiegato, “si è deciso di valorizzare il fondamentale dualismo di personaggi gravati dall’incertezza del loro futuro, in un chiaroscuro emotivo prima ancora che visuale”. Marengo ha inoltre aggiunto che “L’evoluzione di Saverio è speculare a quella dei suoi antagonisti”, prosegue, sottolineando anche che “la Sicilia aspra e misteriosa della seconda stagione funge da scenario per raccontare la costante antitesi tra cielo e terra, divisi da un orizzonte sempre più etereo”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

IL CACCIATORE 2, LA SERIE TV

Al via Il cacciatore 2 nella prima serata di Rai 2 di oggi, mercoledì 19 febbraio 2020, in prima Tv assoluta. Andranno in onda i primi due episodi, dal titolo Fino a che non moriamo” e “Resistere. La serie ritorna a parlare della vita del procuratore Saverio Barone, interpretato da Francesco Montanari, e della sua lotta senza confini contro il boss Giovanni Brusca. Quest’ultimo ha il volto dell’attore Edoardo Pesce ed è alla guida di Cosa Nostra. Un uomo che poco tempo prima si è macchiato di atroci delitti, fra cui quello del piccolo Giuseppe Di Matteo. Dopo aver ricevuto una soffiata dal pentito Tony Calvaruso, interpretato da Paolo Briguglia, Barone è riuscito a scoprire il luogo in cui il bambino era detenuto. Un imperativo che collega i due capitoli della fiction e che colpisce duramente il PM.

Nella seconda stagione della fiction Il cacciatore troveremo un protagonista profondamente cambiato rispetto al primo capitolo, soprattutto per i fallimenti di cui si incolpa. A differenza del passato, Barone è riuscito a creare dei confini per vivere al meglio sia il lavoro che la vita familiare al fianco della moglie Giada, alias dell’attrice Miriam Dalmazio, e della figlia Carlotta. Un cambiamento che riguarda anche Carlo Mazza, il personaggio che conosciamo grazie all’attore Francesco Foti: il miglior amico di Saviero sa che da un momento all’altro la sua vita prenderà una piega rivoluzionaria. Entrambi infatti hanno come obbiettivo di arrestare Brusca: una promessa che Mazza ha fatto tre anni prima alla moglie Teresa (Rosalba Battaglia) è che subito dopo avrebbe lasciato l’Antimafia. Ora che le manette stanno per scattare ai polsi del boss, Mazza si sente ancora più in difficoltà perchè non sa come reagirà l’amico di fronte alla sua decisione di mollare tutto. Senza considerare il dubbio che lo attanaglia: riuscirà davvero a lasciare la Procura? La caccia è appena aperta e al centro di tutto ci sarà proprio Brusca, riuscito a salire alla guida di Corleone. Nonostante questo, il potere lo ha reso un uomo solo e in costante fuga dalle autorità. Di chi fidarsi se non dei familiari? Anche se il fratello Enzo (Alessio Praticò) sembra aver cambiato atteggiamento nei suoi confronti. Quasi come se volesse sfidarlo o non riconoscesse Giovanni come capo. Forse è tutta colpa di Maria Savoca, il personaggio di Veronica Lucchesi, che con la sua estraneità ai fatti di mafia lo ha convinto di poter avere una vita diversa. Intanto emerge sempre di più una mafia del tutto rinnovata che non vuole sottostare a brusca. Corleone ha visto la nascita di Bernardo Provenzano (Marcello Mazzarella), un uomo che crede in una mafia silenziosa, che agisce nei sotterranei di uno Stato che si può corrompere. al suo fianco c’è Pietro Aglieri, un boss interpretato da Gaetano Bruno e che crede nella fede, nella cultura.

IL CACCIATORE 2 ANTICIPAZIONI DEL 19 FEBBRAIO 2020

EPISODIO 1, “FINO A CHE NON MORIAMO” – Giada e Saverio si stanno per sposare e il PM ha ricevuto da Calvaruso l’indirizzo in cui si nasconde Brusca. Anche se l’informazione risale a qualche mese prima, Barone intende fare di tutto pur di catturare il criminale. Dovrà però agire senza dare nell’occhio per non compromettere la sopravvivenza del piccolo Di Matteo.

EPISODIO 2, “RESISTERE” – La caccia a Brusca si rivela più difficile del previsto e Barone deve fare di tutto per rimanere lucido. Grazie a Giada, riuscirà a non far pesare la sua caccia alla famiglia, mentre Elia, il procuratore capo, riceve la visita di un’agente di polizia, Francesca Lagoglio, che sembra avere una pista più che valida su Provenzano. Nel frattempo, Brusca sente che presto potrebbe perdere il potere appena ottenuto. Dopo tanto tempo dall’inizio della sua reclusione, non può tenere sotto controllo nemmeno il fratello, che lo ha ormai abbandonato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA