IMAM SALVO’ 262 CRISTIANI IN NIGERIA/ Premiato l’eroe che evitò il massacro jihadista

- Paolo Vites

Premiato dagli Stati Uniti un imam musulmano che salvò la vita a centinaia di cristiani in Nigeria

attentato_boko_haram_nigeria_terrorismo_bomba_moschea_mercato_lapresse_2017
Un attentato in Nigeria, foto LaPresse

Nigeria, 23 giugno 2018. Un gruppo di pastori musulmani attacca armi alla mano il villaggio di Nghar in Nigeria. Il paese africano da anni è vittima della persecuzione anti cristiana di gruppi di radicali islamici vicini a al Qaeda, che vogliono cacciarli dai territori del nord del paese dove la maggioranza della popolazione è musulmana. Quel giorno, appena finite le sue preghiere di mezzogiorno, l’imam della piccola comunità Abubakar Abdullah sente gli spari ed esce di casa: vedono che è in atto una vera e propria caccia ai cristiani. Immediatamente l’uomo si mette a chiamarli e in pochi minuti ne nasconde ben 262 nella moschea e a casa sua. Dopo, esce fuori a mani nude fronteggiando gli aggressori e proibendo loro di entrare nella moschea e offrendosi al posto dei cristiani come vittima sacrificale. Nessuno osa entrare nella moschea, e sebbene quel girono saranno 84 i cristiani uccisi per le strade della città, il conto sarebbe stato più alto senza il coraggioso imam.

PERSECUZIONE E CONVIVENZA

Oggi il Dipartimento di stato americano ha consegnato all’uomo di 83 anni un premio prestigioso, “The International Religios Freedom Award” per aver nascosto e salvato la vita a centinaia di cristiani. Un gesto che la dice lunga come tra i musulmani ci siano molte persone ricche di senso della carità, pronte a rischiare la propria vita per salvare quella dei cristiani, nonostante la furia omicida di musulmani radicali estremisti. Un gesto che andava giustamente celebrato, quello dell’imam e che si spera giunga a quanti più musulmani possibile e che dice che una convivenza è possibile. Negli stati stati di Benue, Plateau, Taraba e Kaduna in Nigeria, negli ultimi tre anni sono stati uccise 3641 persone, quasi tutti cristiani.



© RIPRODUZIONE RISERVATA