India, app “rimuovi Cina” sui cellulari/ Cresce la tensione tra Delhi e Pechino

- Mauro Mantegazza

India, app “rimuovi Cina” sui cellulari per eliminare le app cinesi. Anche sul “fronte tecnologico” cresce la tensione tra Delhi e Pechino.

app India Cina
(Foto LaPresse)

La rivalità fra India e Cina si fa sentire nel campo della tecnologia: infatti in India è molto diffusa una app che ha come scopo quello di sbarazzarsi delle app cinesi. Remove China Apps, app Android sviluppata da un’azienda con sede in India, è stata scaricata circa cinque milioni di volte tra la fine di maggio e lunedì 1 giugno, prima app Android gratuita in India durante il weekend secondo la società di analisi Sensor Tower. Tuttavia, la popolarità dell’app è terminata bruscamente ieri (3 giugno), quando Google ha deciso di rimuovere lo strumento dal suo Google Play Store.

OneTouch AppLabs, la società produttrice, ne ha annunciato la sospensione ma non ha spiegato perché è stata rimossa e ha invitato gli utenti a continuare a cercare l’origine nazionale delle app che usano. L’app violerebbe le norme sul comportamento ingannevole di Google Play, in base alle quali le app non devono indurre gli utenti a rimuovere o disabilitare le app di terze parti.

La popolarità di Remove China Apps è comunque segnale della relazione sempre più tesa tra India e Cina: la pandemia di Coronavirus ha esasperato tensioni già esistenti e molti in India danno la colpa alla Cina per la pandemia e il blocco in cui vivono da marzo. Ad aprile, l’India si è mossa per frenare gli investimenti stranieri dai paesi vicini, mossa intesa a impedire alle società cinesi di acquisire società in difficoltà durante la recessione economica causata dall’epidemia di Coronavirus.

APP REMOVE CHINA E LE TENSIONI FRA INDIA E CINA

A partire dall’inizio di maggio, truppe cinesi e indiane sono coinvolte in una situazione di stallo nella regione del Ladakh in India, con i soldati impegnati in schermaglie su un confine conteso mentre ciascuna parte accusa l’altra di sconfinare nelle aree in conflitto tra i due Paesi. Global Times, tabloid cinese di proprietà dello Stato, ha avvertito che Pechino potrebbe adottare misure di ritorsione se l’India non dovesse frenare il suo “irrazionale sentimento anti-cinese”, come dimostrato dalla popolarità dell’app, che avvisa gli utenti sulle app che ritiene siano state sviluppate in Cina e consente loro di decidere se eliminarle.

Una volta che l’app valuta che un utente non ha più app cinesi sul proprio telefono, si apre un messaggio: “Congratulazioni. Nessuna app cinese trovata nel tuo sistema“. OneTouch AppLabs ha dichiarato sul suo sito Web che rileva il paese di origine delle app sulla base di ricerche di mercato e non garantisce “alcuna informazione corretta/errata”.

Mentre il sentimento ostile dei consumatori in uno dei mercati più grandi è preoccupante per le aziende cinesi, è difficile per gli utenti indiani sostituire i prodotti cinesi. È probabile che gli indiani che hanno scaricato l’app anti-Cina lo stessero facendo su un telefono cinese: produttori di smartphone come Xiaomi e Oppo rappresentavano oltre il 70% del mercato in India nel primo trimestre, secondo Counter Point Research.



© RIPRODUZIONE RISERVATA