Isabella Ferrari e la malattia/ “È stato un calvario. Tutto è precipitato, poi…”

- Anna Montesano

Isabella Ferrari si racconta alle pagine di Vanity Fair e parla della sua malattia: “Ho capito che non bisogna avere paura di morire”

Isabella Ferrari
Isabella Ferrari
Pubblicità

Donna di talento, di bellezza ma soprattutto di grande coraggio Isabella Ferrari. L’attrice ha posato nuda per Vanity Fair ma soprattutto si è raccontata, sviscerando un momento davvero drammatico della sua vita. Qualche anno fa, la Ferrari ha vissuto un calvario dopo aver accusato gravi problemi di salute e lo racconta al noto Magazine: “Qualche anno fa succede che una mattina mi sveglio e non riesco più a muovere le gambe – dice -. Tutto è precipitato in fretta. Inizia il calvario delle visite e delle diagnosi. E le diagnosi si dimostrano sempre sbagliate, anche quelle fatte da medici e ospedali stranieri.” Questo porta Isabella Ferrari a volare oltreoceano: “Vado all’estero, mando il mio sangue per esami negli Stati Uniti. Poi arrivano i dolori accecanti, il cortisone. Una notte, era il 2 giugno, mi ricoverano in un ospedale vicino a casa, a Roma. Lì incontro il medico più importante per me. La diagnosi che fa non è per niente buona.”

Pubblicità

Isabella Ferrari: “Ho avuto tanta paura di vivere e ora ho capito che…”

Isabella Ferrari non fa il nome di quella che è una patologia davvero rara “perché appena l’hanno fatto a me sono andata su Internet, ho digitato la patologia e mi sono spaventata.” ammette. Da lì l’inizio di una cura complessa e pericolosa che ha però dato i suoi frutti: “Piano piano, un passo alla volta, ce l’abbiamo fatta. – racconta l’attrice, che oggi è felice di essere nuovamente a lavoro – Ed eccomi di nuovo in pista, appunto.” Conclude però facendo un’ammissione: “Ho avuto tanta paura di vivere quando avevo vent’anni. E mi sono fatta venire pure gli esaurimenti con la depressione. La recente malattia, pero’, mi ha fatto capire che non devi avere paura di morire. Perché è la paura di vivere a fregarti. Solo quella. Soltanto quella”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità