Serie A/ Dall’Italietta al campionato: Gobbi e Viola traboccano

- Alfredo Mariotti

Alfredo Mariotti analizza l’ultima settimana di calcio, cominciata con la Nazionale e conclusa dalla 24^giornata di Serie A: Juventus più vicina alla scudetto, Inter ancora bloccata

montella_mihajlovic
Vincenzo Montella (sinistra), 40 anni e Sinisa Mihajlovic, 46 (INFOPHOTO)

Settimana di Passione. Da un punto di vista calcistico purtroppo di basso livello: campionato sospeso, due partite di una Italietta con profilo di una mediocrità così evidente che se non fosse intervenuto il fratello di Lapo a sparare contro Conte non ci saremmo neanche accorti che c’era il raduno della nazionale. Prima partita in Bulgaria e pareggio nei minuti finali, amichevole con pareggio al Gobbi Stadium contro gli albionici: proprio niente di eclatante. A Torino non più di 20000 tapini, inglesi compresi, a vedere l’esibizione fra due che furono fra le squadre più forti del mondo. Prezzi da 18 a 70 €. Non era meglio diminuirli e riempire lo stadio? Si sarebbe anche incassato di più.

Finalmente ha esordito Valdifiori, unico segnale positivo, sempre palle smistate di prima e in profondità. Migliore nelle due partite Eder, tipico cognome italico. Comunque, senza un Balotelli decente, sarà difficile passare la prima fase agli europei. Ha ragione Mancini: in Nazionale debbono giocare solo ragazzi nati in Italia, così facendo riavvicineremo i nostri giovani al calcio. Al massimo andrebbero selezionati i nati all’estero da genitori emigrati dal nostro Paese, no ad andare a risalire a nonni e bisnonni. Dopo la sconfitta del in Cile della nostra nazionale piena di oriundi, la Federazione ha proibito la loro presenza: bene, in venti anni abbiamo vinto un europeo e un mondiale! Altrimenti trasformiamo i campionati fra nazionali in campionati “interleghe”, magari ne gioverebbe lo spettacolo. Cominciamo a parlarne, nel giro di una decina di anni riusciremo a decidere.

D’altra parte dal referendum di Mariotto Segni ad oggi, in cui passerà ‘una legge elettorale discutibile ma duratura, sono passati venticinque anni! Settantanovemila assunzioni in più fra dicembre e gennaio, a marzo sono già quarantanove mila in meno: ci voleva poco a capire che nel periodo natalizio sono sicuramente stati assunti dipendenti straordinari, magari tramite voucher. L’unico dato positivo arriva dall’incremento di consumo di macchine utensili in Italia nel 2014. Questo significa che sta riprendendo la voglia di investire, rischiare e intraprendere: forza! Notizie dal campionato. La Lazio sta meritatamente qualificandosi per la Champions a danno del Napoli che, ad ogni partita decisiva, se la fa addosso. Sconfitto giustamente a Roma si avvicina a lottare per l’Europa League pressata da Samp e Fiorentina. Chi si avvicina alla lotta per l’Europa minore è il casciavid team. Se regge loro il lato BBilan ce la faranno. Ridicolo Mancini e l’Inter, le minestre riscaldate fanno sempre schifo! Io insistevo per Zenga e modestamente avevo ragione. Si sarebbe impostata la nuova stagione con un allenatore bravo, tifoso dell’Inter, un Sinisa bauscia. Dopo i fischi della Scala del calcio forse bisogna prendere atto che la salvezza è già un buon risultato. Thohir azzeri tutto e si prepari ad un programma serio che porti l’Inter, in un paio di campionati, al posto che le compete: lottare per lo scudetto. Ora è a tre punti dal Milan, per fortuna nerazzurra c’è fra poco il derby. Mancini: se ancora esisti fuori le palle e vinci con Milan e Juve, altrimenti via e con te Poldi. Terribile il…

…pareggio del Verona, vinceva tre a zero a venti minuti dalla fine, ha rischiato di perdere rilanciando il Cesena e mettendo nei guai l’Atalanta che, da quando ha buttato via Colantuono, non sa più fare punti. Bene il Torino che espugnando Berghem ha tenuto i propri inseguitori a debita distanza. Nel frattempo nel mondo succedono cose molto più serie. Il solo fatto di essere cristiani ti mette in pericolo di vita. La Santa Pasqua ci infonde un profondo desiderio di pace ma non certo di rassegnazione. I grandi della terra intervengano, anche per i miti arriva il momento che, se il bicchiere è colmo, trabocca! Chi trabocca, nel calcio, sono i Gobbi e i Viola che con le vittorie di questa giornata hanno la prima praticamente vinto lo scudetto (non è una novità), l’altra confermato la propria candidatura come rivale della Lazio per il posto in Champions. Cosi è il campionato di calcio, ma c’è qualcosa di più importante: che il Risorto dia un nuovo senso a questo nostro mondo e perciò alla nostra vita. Buona Santa Pasqua a tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori