CORTE DI CASSAZIONE / Dormire sul lavoro può essere reato

- La Redazione

Sentenza storica contro un agente di polizia: abbandona il servizio chi schiaccia un pisolino sul luogo di lavoro

legge-uguale-tuttiR375_16nov08

La “pennichella” sul posto di lavoro può portare al licenziamento in tronco, se a schiacciare un pisolino è un normale impiegato o addirittura alla condanna penale per abbandono di servizio se il sonnellino viene fatto da un agente di polizia.

A dirlo è la Terza sezione penale con la sentenza 43412 che ha reso definitiva la condanna a quattro mesi di reclusione per abbandono di servizio per Sabino G., 30enne agente di Polizia in servizio al valico di Zenna e addetto al controllo dei passaporti che, il 20 agosto del 2004, alle prime ore del mattino, era stato sorpreso addormentato nel gabbiotto di vigilanza.

Per la corte, “l’addormentamento, quando dipende da una libera scelta del soggetto e non da cause patologiche, è sempre un atto volontario” e, come tale, costituisce abbandono di servizio.

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE 

Sabino G. era già stato condannato a quattro mesi di reclusione dalla Corte d’appello di Milano, nel novembre 2009, in violazione della legge 121 del 1981 poiché alle 6.50 del 20 agosto di sei anni fa “era stato sorpreso addormentato a bocca aperta nel proprio gabbiotto e non si era svegliato nonostante il rumore del passaggio dell’autovettura di servizio e nonostante che l’ispettore avesse aperto il vetro di separazione del gabbiotto”.

 

Contro la condanna ha fatto ricorso in Cassazione la difesa del poliziotto, ma anche in terzo grado i giudici hanno sottolineato che “abbandona il servizio non solo colui il quale materialmente si allontana dal luogo dove il servizio deve essere prestato, ma anche colui che, pur presente sul luogo del servizio, in realtà non lo presta”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori