LETTURE/ Miserere: un “ladrone” (di oggi) e la follia della Misericordia

- Monica Mondo

È uscito “Miserere” di Giovanni Donna d’Oldenico. Accompagnato dalle riflessioni di p. Maurizio Botta, mons. Massimo Camisasca, il card. Robert Sarah

michelangelo cappellasistina buonladrone arte 640x300
Michelangelo, il "buon ladrone", Cappella Sistina

Un libro esile, alto, un romanzo e una meditazione a un tempo, un miserere da Venerdì Santo, perché ogni venerdì è venerdì Santo. Giovanni Donna d’Oldenico, medico, cristiano, ci pone, come sempre si dovrebbe, ai piedi del mistero più grande, lo scandalo della morte e della Croce. Sul Golgota, dove si compie il nostro destino nella morte del Dio fatto uomo e il destino dei due uomini che stavano al suo fianco. Li conosciamo come i due ladroni, e forse la definizione è ingiusta e riduttiva, forse c’è dell’altro nell’anima che la ferocia dei romani non contemplava.

L’autore racconta la storia immaginata ma possibile di un bandito che guardando la figlia straziata che a sua volta lo guarda, ripercorre la sua vita, le sue scelte vili: la fuga dalla donna amata, dalle responsabilità di padre, il tentativo maldestro di recuperarle, il senso di vergogna e di vuoto che sente, prima oscuramente poi con sempre maggior certezza, può essere riempito da quell’innocente accanto a lui che osa perdonare chi l’ha inchiodato alla croce.

È un monologo asciutto, profondo, sulla follia della misericordia, sull’inesauribile richiesta di salvezza che agita il cuore dell’uomo, più o meno ladrone che sia. Parla il condannato, parla dove lui non dice la figlia amata, e potremmo giustificare ogni sua colpa e ritenere quasi la misericordia di Dio che lo chiama in Paradiso un atto dovuto. Chi non ha avuto o non ha motivi per essere rabbioso, ed esprimere con una colpa la propria rabbia? 

Non è così. Il dono della vita eterna è la risposta a un sì totale, al riconoscimento del tutto di Dio, della nostra miseria, della domanda di pietà. E Gesù domanda al Padre perché sa che il Padre lo ascolta. Non è abbandonato affatto, né si sente abbandonato. Cita un salmo, per prendere su di sé il dolore di ogni uomo abbandonato, anzitutto al rimorso. 

A superficiali e comode considerazioni sulla misericordia offrono le loro riflessioni, commentando il racconto di Donna, un parroco, un vescovo, un cardinale. Tre sacerdoti impegnati con la vocazione di una vita e con il Vangelo. Padre Maurizio Botta, seguace di san Filippo Neri, noto per le sue catechesi soprattutto tra i giovani; monsignor Massimo Camisasca, vescovo di Reggio Emilia-Guastalla e fondatore della Fraternità sacerdotale dei Missionari di san Carlo Borromeo, sulle tracce del maestro don Luigi Giussani; e Robert Sarah, prefetto emerito della Congregazione per il Culto Divino, teologo, scrittore. Se Dio perdona, può rendere possibile “che anche io compia quest’atto smisurato. Se questa è la tua volontà, voglio che diventi la mia. E visto che la mia è inguaribile, io, proprio io, e qui adesso, Te la offro. Prendila e, se necessario, io voglio che, al suo posto, Tu infonda e inchiodi nel mio cuore la Tua”.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori