Marco Rizzo “Francesco Toscano bloccato da Facebook”/ “Gravissimo che sia silenziato”

- Silvana Palazzo

Marco Rizzo, leader del Partito Comunista candidato con Italia Sovrana e Popolare denuncia: “Francesco Toscano bloccato da Facebook, gravissimo che venga silenziato”

marco rizzo francesco toscano fb 640x300
Marco Rizzo e Francesco Toscano (Foto: Facebook)

Marco Rizzo, leader del Partito Comunista e candidato alle elezioni politiche 2022 con la lista Italia Sovrana e Popolare, oggi ha duramente attaccato i social dopo quanto accaduto a Francesco Toscano di Ancora Italia, suo alleato. «È stato bloccato per un mese sul suo account mentre segnalava la completa raccolta di 60mila firme per Italia Sovrana e Popolare nella partecipazione alle elezioni politiche», ha spiegato Rizzo tramite la sua pagina Facebook. Il leader del Pc lo ha definito «un fatto gravissimo», a maggior ragione tenendo conto che la persona coinvolta, appunto Francesco Toscano, è «un fondatore ed importante candidato di una lista che concorre per il Parlamento e che vuole farlo nella più completa agibilità costituzionale».

Marco Rizzo ha quindi colto l’occasione per sollevare un tema che chiama in causa proprio le piattaforme social: «Sono private, hanno un loro regolamento (di parte), ma devono esser tenute alla stregua di un mezzo pubblico con cui il pluralismo non può essere silenziato».

IL COMMENTO DI ELIO LANNUTTI AL POST DI MARCO RIZZO

Marco Rizzo, comunque, promette battaglia per quanto accaduto a Francesco Toscano di Ancora Italia, alleato per la lista Italia Sovrana e Popolare. «Faremo valere i nostri diritti in ogni sede. E chissà che un giorno…», ha concluso il leader del Partito Comunista nel suo post su Facebook. Il post non è passato inosservato al senatore Elio Lannutti, che infatti ha voluto lasciare un commento: «Purtroppo governi inerti e politici complici, hanno delegato poteri enormi, che nelle democrazie spettano ai rappresentanti del popolo, a pseudo autorità (che di indipendenza non hanno neanche la carta intestata), banchieri di affari, finanza tossica derivata e rappresentanti del neo-liberismo dittatoriale, che hanno edificato il capitalismo della sorveglianza padroni del mondo e delle piattaforme private. La più pericolosa e nuova droga per i giovani che ha sostituito ‘l’oppio dei popoli’». Lo stesso Marco Rizzo ha replicato: «Quanta verità e quanta saggezza nelle tue parole».







© RIPRODUZIONE RISERVATA