MavaChou, morta suicida la youtuber/ La separazione dal marito e i messaggi d’odio

- Davide Giancristofaro Alberti

Si è suicidata MavaChou, youtuber francese molto famosa: dopo la separazione dal marito e accuse reciproche ha ricevuto numerosi insulti

mavachou yt 2022 640x300
MavaChou, screen da Youtube

E’ morta negli scorsi giorni MavaChou, una nota mamma youtuber che insieme al marito Adrien aveva raccontato la propria vita attraverso il noto sito web di video. I due avevano quattro figli ed erano in attesa del quinto, e nei loro filmati pubblicati su Youtube dispensavano consigli per gli acquisti di vario tipo, dall’arredamento agli indossabili. Ma come scrive il Corriere della Sera, la separazione fra i due ha fatto crollare il tutto, non soltanto il business ma anche la vita privata, che di fatto erano strettamente connesse fra di loro. E così che i due hanno pubblicato due video di accuse reciproche, parlando di maltrattamenti ai danni dei bambini, e dopo che sono piovute forte critiche social all’indirizzo soprattutto della donna, la stessa si è suicidata il 22 dicembre scorso, a soli 32 anni.

La procura di Epinal ha deciso di aprire un’inchiesta al momento a carico di ignoti, per «molestie morali che hanno spinto al suicidio». Il 7 dicembre scorso, quindi pochi giorni prima del suicidio, MavaChou, nome d’arte di Maëva Frossard, era apparsa in tv presso il programma «Sept à huit», per parlare dei numerosi messaggi d’odio ricevuti ogni giorno «È un’ondata incontrollabile. E incancellabile. I commenti di odio sotto ai miei video sarà impossibile cancellarli. Chiunque cercherà il mio nome su Internet finirà sempre su queste ondate di disprezzo. È disgustoso, non ho altre parole, mi dispiace».

MAVACHOU, YOUTUBER MORTA SUICIDA: L’ACCUSA DI MALTRATTAMENTO DEI FIGLI

MavaChou e il marito, subito dopo la separazione avventa nel 2020, avevano deciso di proseguire l’attività di youtuber, e la partnership era continuata fino a febbraio dell’anno scorso, quando l’ex marito aveva pubblicato una stories su Instagram in cui accusava Maeva di maltrattare i figli: «È stato orribile ricevere un’accusa simile – ha detto ancora la donna durante la trasmissione tv -, e mi sono detta che la risposta migliore era ignorarla tanto era assurda, ma invece per certe persone non reagire equivale ad ammettere. Eppure i miei figli sono ancora oggi con me, perché le verifiche della giustizia hanno mostrato che quelle accuse erano false». L’ex marito ha commentato così i messaggi d’odio, prima del suicidio dell’ex moglie: «Siamo stati entrambi travolti dal ciclone dei social media. Abbiamo perso il controllo di quello che stava avvenendo. Ma tutti e due siamo stati attaccati online, appena abbiamo annunciato la fine del matrimonio».







© RIPRODUZIONE RISERVATA