Max Gazzè/ I travestimenti a Sanremo 2021: Leonardo Da Vinci, Dalì e Clark Kent

- Elisa Porcelluzzi

Al Festival di Sanremo 2021 Max Gazzè si è esibito scegliendo un travestimento diverso per ogni serata: Leonardo Da Vinci, Salvador Dalì e Clark Kent, ovvero Superman.

max gazze superman sanremo2021 640x300
Max Gazzè a Sanremo 2021

Max Gazzè trasformista al Festival di Sanremo 2021

Al Festival di Sanremo 2021 Max Gazzè ha stupito tutti trasformandosi, in ogni serata, in un personaggio diverso: Leonardo Da Vinci, Salvador Dalì e Clark Kent, ovvero Superman. “Volevo dare leggerezza e portare delle performance che raccontassero la storia di questo folle farmacista con una messa in scena teatrale”, ha spiegato l’artista romano a Open. Nella prima serata di Sanremo Max Gazzè si è travestito da Leonardo Da Vinci. Il cantautore ha indossato una lunga tunica scura in velluto, il tipico cappello, capelli lunghi e folta barba grigi. Sulle spalle la scritta Da Vinci e il numero 11. Sul palco anche la Trifluoperazina Monstery Band, composta dai coronati della Regina Elisabetta alla batteria, Marilyn Monroe ai cori, Jimi Hendrix alla chitarra, Paul McCartney al basso e Igor di “Frankenstein Junior” alle tastiere.

Max Gazzè: travestimenti e maglie da calcio

Nel corso della seconda serata Max Gazzè si è travestito da Salvador Dalì: giacca di velluto viola con il nome Dalí e il numero 01 stampati sulla schiena, il panciotto, il bastone da passeggio e un fiore nei capelli. Inconfondibili poi, i vistosi baffi caratteristica peculiare dell’artista spagnolo. Infine per la serata finale del Festival di Sanremo, Gazzè si è presentato sul palco vestito come Clark Kent, alter ego di Superman, con i tipici occhiali scuri. Aperta la camicia, ha mostrato la tuta di Superman e si è gettato sulle poltroncine vuote dell’Ariston. Sulle spalle il nome Gazzè con il numero 10. “Lavorare con Max è bello. C’è un confronto continuo. Abbiamo fatto un lavoro profondo sui costumi. Anche l’associazione calcistica, mettendo i numeri di maglia dietro i costumi, è stata una cosa trasversale”, ha detto lo stylist Lorenzo Oddo, intervistato da Open.



© RIPRODUZIONE RISERVATA