Milano Fashion Week 2021 al via/ Moda donna Made in Italy torna a sfilare in digitale

- Matteo Fantozzi

Milano Fashion Week al femminile, il Made in Italy non molla e viste le problematiche legate al Covid-19 torna ma in digitale.

milano fashion week 2019 pixabay 640x300
Foto di repertorio (Pixabay)

Grazie alla Milano Fashion Week arrivano piccoli segnali di ripresa per un mondo messo in ginocchio dall’emergenza legata al Covid-19. Il Made in Italy non molla e riparte dal digitale in un mondo confuso e nel quale siamo obbligati alle distanze di sicurezza. Un anno fa Giorgio Armani e Lavinia Biagiotti chiudevano le loro sfilate, annullavano eventi in uno dei periodi più tristi per il mondo dello spettacolo oltre che per l’umanità intera stessa. La situazione oggi è ancora complessa, con un futuro che non sappiamo bene cosa ci racconterà. Nonostante questo la volontà di tornare alla ribalta è senza dubbio forte anche se in maniera diversa.

Milano Fashion Week al femminile, le novità

Da domani al primo marzo riparte la Milano Fashion Week con un’edizione atipica in digitale per i problemi legati al Coronavirus. Sarà una kermesse tutta al femminile con la presenza di firme molto prestigiose come Missoni, Alberta Ferretti, Fendi, Max Mara, Blumarine, Prada, Antonio Marras, Etro, Tod’s, Sportmax, Giorgio Armani, Salvatore Ferragamo, Dolce&Gabbana, Valentino e molti altri ancora. Tra gli assenti invece non ci saranno Versace e Gucci. Il primo ha già annunciato una presentazione digitale il prossimo 5 marzo, mentre il secondo è uscito lo scorso maggio dal calendario.



© RIPRODUZIONE RISERVATA