Milano, zona rossa con assembramenti sul pullman/ Il controsenso del Dpcm

- Matteo Fantozzi

Milano, zona rossa con assembramenti sul pullman: il controsenso del Dpcm in un momento molto difficile per il paese e per il nostro Governo.

sondaggi politici
Il Premier Giuseppe Conte alla Camera (LaPresse)

Milano torna zona rossa ma emerge il controsenso del Dpcm e scoppiano le polemiche. Le foto che circolano infatti ci mostrano persone ammassate su un pullman dove ovviamente è impossibile rispettare il distanziamento. Da Mi-Tomorrow arrivano le foto della linea 91 estremamente affollata questa mattina e tornano i solito, ma in fondo più che giusti, tormentoni legati alla chiusura di bar, ristoranti, scuole e chi più ne ha più ne metta rispetto alla presenza costante di assembramenti sui mezzi pubblici. Purtroppo è anche vero che il servizio di trasporto pubblico è necessario per portare le persone sul posto di lavoro, ma rimane complicato accettare che ci siano tanti controsensi che si potrebbero parzialmente risolvere con l’aumento delle linee.

Milano, zona rossa con assembramenti sul pullman: e la capienza massima?

La capienza massima consentita sui mezzi pubblici è del 50%, ma con una Milano immobilizzata dalla zona rossa le norme non sembrano essere rispettate. La lettrice che ha interpellato Mi-Tomorrow sottolinea: “Il pullman era stracolmo, ma ciò nonostante l’autista continuava a far salire la gente. Ero in pratica bloccata come fosse stato un giorno qualunque, come quelli prima della pandemia. Ho avuto paura e ho aperto i finestrini per far circolare l’aria. Non vedevo l’ora arrivasse la fermata”. La situazione sta diventando ingestibile con il Governo che mostra giorno dopo giorno sempre più segnali di sofferenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA