COLLETTA ALIMENTARE/ Dove donare il cibo a Milano e provincia, i supermercati che aderiscono all’iniziativa

- La Redazione

Siamo giunti alla 17esima edizione di Colletta Alimentare. Ecco i punti vendita di Milano e dintorni dove sarà possibile devolvere il cibo per i più bisognosi

colletta_alimentare_volontario_sorriso Un volontario sorridente dopo molta fatica (Infophoto)

Ci siamo, questo sabato 30 novembre appuntamento con la 17esima edizione dell’iniziativa Colletta Alimentare lanciata dalla Onlus Banco Alimentare per aiutare le fasce della popolazione meno abbienti. Come e dove è possibile contribuire a questa nobile causa? I cittadini che vorranno partecipare attivamente dovranno recarsi nei supermercati della città ma anche dei centri meno popolosi. Dal centro di Milano, fino ai paesi più esterni della cerchia dell’interland, sono quasi i punti vendita coinvolti: Carrefour, Billa, Esselunga, Conad, Coop, LiDL, Pam , Auchan, Bennet, Punto Simply, Metro, sono i grandi nomi che si sono riuniti attraverso l’iniziativa Colletta Alimentare. La lista dei supermercati che hanno deciso di aderire a questa imponente opera di carità è in continuo aumento: al momento sono circa 9700 in tutta Italia. Approfittate della giornata di questo sabato per fare la spesa e, una volta raggiunta la cassa, dite alla persona che vi sta servendo quali sono i prodotti da donare alla Colletta Alimentare. Quali sono gli alimenti più idonei da devolvere? Olio, alimenti per l’infanzia (latte, cereali, verdure, succhi di frutta), omogeneizzati, carne e pesce in scatola, legumi in scatola, pelati e sughi sono i principali prodotti che Banco Alimentare consiglia. Una postilla importantissima spinge gli acquirenti a controllare le date di scadenza dei prodotti, altrimenti la buona volontà per un atto così importante finisce per essere vanificato nel nulla. Al giorno d’oggi, si contano circa 3 milioni di persone seguite da banco Alimentare e la provincia del Polesine in Veneto risulta essere la più disagiata. Dal 2011, circa 2.500 famiglie hanno fatto richiesta d’aiuto e non si parla solamente d’immigrati, ma anche di persone della porta accanto che hanno dovuto fare i conti con la difficile situazione di crisi che ha provocato gli effetti più dannosi sulle fasce sociali più povere. Sabato si presenta un’occasione importante di solidarietà e sensibilità, una rete di circa 130.000 volontari è già pronta a fare la spola dai supermercati agli enti caritativi per alleviare la sofferenza dei più bisognosi, non lasciamoci sfuggire quest’opportunità.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie

Ultime notizie