SEVESO ESONDATO/ Milano, fine dell’emergenza: la situazione è sotto controllo (26 luglio 2014)

Oggi, sabato 26 luglio, il fiume Seveso ha esondato allagando strade e piazze di Milano: ora la situazione sembra sotto controllo, il manto in Porta Romana aveva dato già segni di cedimento.

26.07.2014 - La Redazione
maltempo_pioggia_trafficoR439
Foto Infophoto

Sembra che la situazione sia meno grave rispetto a quanto accaduto lo scorso 8 luglio, in cui i disagi, specialmente per quanto riguarda la viabilità, si erano protratti a lungo durante la giornata: infatti, sembra che dalle 9 di stamattina sia terminata l’esondazione del fiume Seveso, iniziata verso le 7.30 : dai tombini non esce più acqua, mentre i Vigili del Fuoco e i tecnici stanno continuando a monitorare la situazione, la zona a Nord di Milano e nel quartiere di Niguarda – il più colpito – sembra migliorare. In corso Porta Romana, dove si è aperta una voragine di dodici metri di profondità e sei metri per tre di dimensioni, sono ancora al lavoro gli esperti: dopo l’8 luglio, a causa di allagamenti dei parcheggi sotterranei, la zona era stata transennata per fare gli accertamenti dal caso. Purtroppo, a causa di questa nuova ondata di maltempo il manto stradale non ha retto ed ha ceduto.

Sono già partiti i primi commenti sul web rispetto al maltempo che si è abbattuto su tutta la Lombardia e che, nei pressi di Milano, ha fatto esondare il fiume Seveso, causando l’allagamento di parte del Fulvio Testi, del quartiere Niguarda e provocano un’enorme voragine in corso Porta Romana. Proprio rispetto a questa spaccatura, c’è chi sul Twitter non si risparmia e torna a citare Ignazio Marino, sindaco della capitale italiana, che è recentemente stato coinvolti in uno scontro a suon di tweet con Bruno Vespa, che si diceva imbarazzato di dover vivere in una città tanto sporca e poco curata. Ecco cosa riporta il tweet, giocando sul fatto che il manto stradale si sia disfatto proprio in Porta Romana… 

In zona Porta Romana, proprio nel centro della città di Milano, si è aperta un’enorme voragine di circa dodici metri di profondità e dalle dimensioni di sei metri per tre: a causa del maltempo e delle abbondanti piogge che hanno colpito il capoluogo lombardo durante tutta la notte, proprio su uno dei lati della carreggiata di corso Porta Romana, ha ceduto il manto stradale e si è aperta una spaccatura notevole. Sono subito accorsi i Vigili del Fuoco, la Polizia locale, forze dell’ordine e anche svariati tecnici del Comune per comprendere fino in fondo come sia successo: intanto, corso Porta Romana è stato chiuso al traffico per definire l’entità del danno. Clicca qui per vedere il video, da video.corriere.it, che mostra la spaccatura nella carreggiata e i primi esperti al lavoro.

Dopo gli scorsi 25 giugno e 8 luglio, il Seveso oggi è tornato a esondare a causa del maltempo e delle abbondanti piogge che si sono abbattute stanotte sulla Lombardia: la situazione a Milano è molto simile a ciò che è accaduto in precedenza. Sulla superficie della città, specialmente nella zona Nord di Milano, sono iniziati i primi disagi e le prime chiusure di vie e piazze: il quartiere che risulta più allagato rimane quello in zona Niguarda, dove ci sono dai 10 a 20 cm di acqua e dove Vigili del Fuoco e Polizia sono al lavoro da questa mattina per prestare i primi soccorsi. Un’altra zona di Milano che risulta allagata è il Viale Fulvio Testi: in questo caso il traffico è ridotto in confronto delle due precedenti occasioni, causa vacanze estive, e la viabilità riesce comunque a rimanere scorrevole, eccetto per un ramo in particolare che è stato necessario chiudere. Fortunatamente, per adesso, non sembra che ci siano vittime di questa nuova esondazione del Seveso, che ha dato le prime avvisaglie stamattina alle 7.30, dopo che ha piovuto tutta la notte. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori