MONITORAGGIO ISS: RT 0.86, INCIDENZA 261/ Video: “Tendenza decongestione ospedali”

- Niccolò Magnani

I dati del monitoraggio Iss-Ministero Salute di oggi 27 maggio 2022: crollo Covid, Rt a 0.86, incidenza scende a 261. Ricoveri migliorano: terapie intensive al 2,6%, area medica al 9%

monitoraggio iss
Silvio Brusaferro e Gianni Rezza, conferenza stampa Iss su emergenza Covid (LaPresse, 2020)

Importanti aggiornamenti dal monitoraggio Iss-Ministero della Salute sulla situazione epidemiologica in Italia. Ancora in calo il tasso di incidenza dei casi Covid nel nostro Paese: 261 casi su 100 mila abitanti. In ribasso anche l’indice Rt – a 0,86 – al di sotto dell’unità, così come l’occupazione dei posti letto.

“Il tasso di occupazione dei posti letto di area medica e di terapia intensiva è rispettivamente al 9% e al 2,6%, quindi c’è una ulteriore tendenza alla decongestione delle strutture ospedaliere”, le parole di Giovanni Rezza nel videomessaggio a commento dei dati del monitoraggio settimanale sulle Regioni della cabina di regia ministero Salute-Istituto superiore di sanità: “Dato il miglioramento della situazione epidemiologica, per passare un’estate tranquilla è comunque bene proteggere soprattutto le persone più anziane e più fragili con una dose di richiamo, cioè con la quarta dose di vaccino”. (Aggiornamento di MB)

I NUOVI DATI DEL MONITORAGGIO ISS 27 MAGGIO 2022

Il Covid-19 scende ogni settimana di più, la miglior notizia possibile nell’avvicinarsi all’estate e a quel 15 giugno in cui cadranno anche tutte le ultime restrizioni presenti: il monitoraggio Iss-Ministero della Salute diffuso con la consueta bozza del venerdì mattina registra una “caduta” di tutte le voci principali a livello epidemiologico.

L’incidenza dei casi Covid a livello settimanale crolla ulteriormente: si passa da 375 casi su 100mila abitanti agli attuali 261, con l’indice di contagio Rt che diminuisce anch’esso da 0.89 a 0.86 attuale. «L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è al di sotto della soglia epidemica e stabile rispetto alla settimana precedente: RT=0,83 (0,80-0,86) al 17/5/2022 vs Rt=0,84 (0,81-0,87) al 10/5/2022», recita ancora la bozza di monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità. Ad oggi, solo una Regione/ è classificata a rischio Alto in quanto i dati inviati non erano sufficientemente completi per la valutazione del rischio; nessuna Regione/PA è invece classificata a rischio Moderato, tutte le altre sono classificate a rischio basso secondo il decreto del 30 aprile 2020. La percentuale dei casi rilevati tramite attività di tracciamento dei contagi è stabile attorno al 13%, mentre rimane stabile anche la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (44% vs 45%), così come i casi diagnosticati con attività di screening, 44%.

DISCESA COVID, MIN. SALUTE: “VIA RESTRIZIONI IN ESTATE”

Ma i dati più interessanti del monitoraggio Iss riguardano come sempre le percentuali di occupazione dei ricoveri ospedalieri del Paese: la pandemia da coronavirus vede la sua “discesa” proprio negli ospedali, con dati finalmente molto positivi in vista dell’estate.

Ad oggi, il tasso di occupazione in terapia intensiva scende al 2,6% dal 3,1% del precedente monitoraggio Covid: per i ricoveri in area medica invece si passa dal 10,9% al 9%, scendendo sotto la soglia psicologica del 10% di occupazione dei ricoveri Covid totali. Tutto ciò contribuisce a rendere l’arrivo dell’estate con meno preoccupazioni circa il contagio da Covid-19: stamane il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, commentando gli ultimi dati positivi della pandemia, ha annunciato «Il 15 giugno sarà la data in cui cadranno anche le ultime restrizioni. Oggi mi pare che i dati confermino che siamo di fronte ad una sensibile riduzione dei contagi e della presenza nei nostri ospedali. Sono elementi che ci fanno dire che andiamo verso quella direzione, perché andiamo a certamente verso un’estate senza restrizioni».







© RIPRODUZIONE RISERVATA