Michele Mondella è morto/ Addio al discografico e promoter della musica italiana: aveva 70 anni

- Stella Dibenedetto

Michele Mondella, famoso discografico e promoter che, lungo la sua carriera, ha collaborato con i big della musica italiana, è morto a 70 anni per un malore improvviso.

mondella
Michele Mondella

Michele Mondella, famoso promoter e discografico italiano, è morto a 70 anni, a Roma, a causa di un malore improvviso. Quella di Michele Mondella è stata una carriera lunga e ricca di collaborazioni con i più grandi nomi della musica italiana. Mondella, infatti, ha lavorato con artisti del calibro di Lucio Dalla, Francesco De Gregori e Gianni Morandi. Ha anche curato la comunicazione di tanti altri big della musica, da Antonello Venditti a Eros Ramazzotti, da Luca Carboni a Samuele Bersani, Enrico Ruggeri e Ron. Si era occupato anche della comunicazione delle tournée italiane del Cirque du Soleil e di tanti, altri, grandi eventi musicali. Classe 1947, aveva lavorato anche all’organizzazione di importanti eventi televisivi musicali come il Festival di Sanremo con Gianni Ravera e il concorso Voci Nuove di Castrocaro. Tra le altre cose è stato anche autore del programma di Raiuno Taratatà accanto al suo grande amico Vincenzo Mollica in onda su Raiuno. Uno dei lavori a cui era più legato era “Banana Republic”, il tour negli stadi di Francesco De Gregori e Lucio Dalla.

GLI ULTIMI DIFFICILI ANNI

Michele Mondella lascia un posto vuoto nel mondo della musica e della comunicazione italiana. Tanti artisti devono a lui la sua carriera dal punto di vista anche dell’immagine. Uomo colto, intelligente e molto preparato, lavorava sempre con il cuore a tutti i suoi progetti cercando di tirare fuori il meglio da ognuno degli artisti che decideva di affidarsi alla sua professionalità. Gli ultimi anni, però, sono stati particolarmente difficili per Michele Mondella che, dopo la morte di Lucio Dalla, ha visto sgretolarsi il mondo che si era creato. La scomparsa improvvisa del grande cantautore bolognese gli aveva lasciato un profondo senso di vuoto che non è mai riuscito a colmare. Anche la sua carriera ha dovuto fare i conti con il tempo che passa. Molti artisti, infatti, hanno scelto di affidarsi a promoter più giovani e al passo con i tempi. Nonostante tutto, Michele Mondella resta un nome a cui la musica italiana deve davvero tanto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori