Nave HMS Terror, prime immagini/ “Relitto del 1845 sembra abbandonato da poco”

- Dario D'Angelo

Prime immagini dalla HMS Terror, una delle due navi che nel 1845 si rese parte del “peggior disastro nella storia dell’esplorazione polare britannica”.

hms terror 2019 youtube
Immagini dalla serie "The Terror", ispirata alla vicenda della nave HMS Terror (foto Youtube)

Correva l’anno 1845 quando due navi di esplorazione artica della Marina britannica, l’ammiraglia Erebus e la HMS Terror, restano bloccate nel ghiaccio in quella che i Royal Museums Greenwich definiscono “il peggior disastro nella storia dell’esplorazione polare britannica”. Del comandante inglese sir John Franklin e del Capitano Francis Crozier, salpati alla ricerca del Passaggio a Nord-Ovest insieme ad un equipaggio di 129 uomini tra ufficiali, marinai e specialisti civili, non si ebbe più alcuna notizia. Lasciate le ammiraglie nel 1848, nessuno seppe più nulla delle loro sorti: alcun superstite venne mai ritrovato. Basta questa premessa per rendersi conto di quanto possa essere importante il fatto che alcuni ricercatori canadesi e Inuit, per la prima volta, sono riusciti a entrare nella Terror, ritrovata nel settembre del 2016 nei fondali al largo di King William Island, a due anni di distanza dal ritrovamento della Erebus.

HMS TERROR, PRIME IMMAGINI DAL RELITTO

Le prime esplorazioni condotte da Parks Canada in collaborazione con i ricercatori Inuit diconoche la nave HMS Terror è rimasta praticamente intatta. Merito, come sottolineato da “La Repubblica”, delle temperature ghiacciate di Terror Bay a Nunavut, in Canada, e dello strato di limo formatosi nel corso degli anni che ha protetto mappe e strumenti. Per effettuare le esplorazioni i ricercatori hanno utilizzato un veicolo a gestione remota (ROV) perlustrando 20 cabine e diversi compartimenti della nave al cui interno mai nessuno aveva potuto guardare. Il pilota del ROV, Ryan Harris, ha detto:”L’impressione che abbiamo avuto è stata quella di guardare una nave abbandonata da poco dal suo equipaggio, apparentemente dimenticata dal passare del tempo”. La parte più importante per i ricercatori è quella che interessa gli alloggi del capitano, dove sono custoditi mappe e soprattutto i diari di bordo tenuti prima di abbandonare la nave. “Spero che l’eccellente condizione della nave significhi che presto ci saranno risposte a così tante domande sul destino della spedizione Franklin”, ha dichiarato Susan Le Jeune d’Allegeershecque, Alto Commissario britannico in Canada.



© RIPRODUZIONE RISERVATA