No vax morto a Ferrara “Mai contattato IppocrateOrg”/ Mauro Rango “falsità assoluta”

- Emanuela Longo

Mauro Rango, presidente di Ippocrate.Org ha smentito in tv che il paziente morto di Covid a Ferrara abbia mai contattato la piattaforma “falsità!”

mauro rango controcorrente 640x300
Mauro Rango, Controcorrente

Mauro Rango, presidente di Ippocrate.Org, la piattaforma finita nella bufera negli ultimi giorni, è intervenuto nella prima serata di ieri, durante la trasmissione Controcorrente in onda su Rete 4 e condotta da Veronica Gentili. Rivolgendosi alla padrona di casa del programma targato VideoNews, Rango ha esordito con una precisazione: “Io oggi ho accettato di venire in studio ma la cosa che le chiedo è se vogliamo fare un servizio alla realtà dei fatti o se vogliamo fare un servizio scandalistico”.

Se l’intento è quello di fare un servizio alla realtà dei fatti, ha aggiunto Mauro Rango, “io posso dirle che il paziente che è deceduto a Ferrara non ha mai contattato Ippocrate.Org e quindi noi denunceremo tutti i giornali e tutti i notiziari che hanno mandato in onda questo”. La conduttrice Veronica Gentili ha prontamente sottolineato come quanto da lui detto sia una vera notizia, precisando di non fare mai servizi scandalistici ma solo informazione sempre con garbo e con l’intento di capire.

IppocrateOrg, presidente Rango smentisce le ultime notizie “falsità”

La padrona di casa del programma Controcorrente ha quindi precisato come finora i giornali abbiano scritto in modo unanime un’altra notizia rispetto al no vax deceduto a Ferrara. Il presidente Mauro Rango ha quindi replicato: “Per uscire dalla realtà bisognerebbe smettere di fare il copia-incolla di quello che si riceve, perché se tutti fanno il copia-incolla basta che uno a monte scriva una cosa, tutti a vale fanno il copia-incolla e diventa quella la realtà”.

A detta di Rango, la soluzione è “uscire dalla finzione ed entrare nella realtà”. Quindi si è detto pronto a fornire un dato reale rispetto a quanto accaduto, precisando che sarebbe disposto anche a ulteriori verifiche da parte della polizia ed ha ribadito: “Questo paziente non si è mai rivolto a Ippocrate.Org, mai. Quindi tutto quello che hanno scritto, che c’è corrispondenza, e-mail, etc, non esistono”. In altre parole, a detta del presidente della piattaforma, “è una falsità assoluta!”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA