Omicidio Evan Lo Piccolo/ Parla la nonna: “Assistenti sociali non mi hanno ascoltato”

- Alessandro Nidi

A “Storie Italiane” è intervenuta la nonna paterna del bambino: “Si stanno aggrappando agli specchi. Io quando ho visto i lividi sul corpo del piccolo ho chiamato gli assistenti sociali”

Ustionò figlio di 5 anni con ferro da stiro
Pixabay

A “Storie Italiane”, trasmissione di Rai Uno in onda dalle 10 tutti i giorni della settimana dal lunedì al venerdì e condotta da Eleonora Daniele, si è parlato dell’omicidio di Evan Lo Piccolo, il bimbo di venti mesi morto per maltrattamenti il 17 agosto a Rosolini. Il bambino, è stato ricordato in diretta, veniva picchiato ripetutamente e spesso finiva in ospedale (è successo per ben tre volte). Il papà biologico, Stefano Lo Piccolo, il 6 agosto, ovvero undici giorni prima della scomparsa di Evan, ha presentato un esposto a Genova contro la mamma biologica, chiedendo di indagare. Questa denuncia, però, a quanto pare è arrivata alla procura di Siracusa soltanto dopo la morte del piccolo Evan. Elisa Congiu, la nonna paterna del piccolo, ha commentato: “Si stanno aggrappando agli specchi. Io quando ho visto i lividi sul corpo del bambino ho chiamato gli assistenti sociali, ma non mi hanno dato ascolto. Ho raccontato loro ciò che stava succedendo, ma loro mi hanno detto di stare buona, altrimenti non mi avrebbero più fatto vedere mio nipote”.

OMICIDIO EVAN LO PICCOLO: INDAGATO IL PADRE

In queste ore, però, si è registrata una svolta: in seguito ad alcune frasi sospette pronunciate dall’altro figlio di 6 anni, Stefano Lo Piccolo è stato inserito fra gli indagati per l’omicidio del piccolo Evan. L’ha confermato nelle scorse ore il procuratore di Siracusa, Sabrina Gambino, titolare del fascicolo di inchiesta sulla morte del piccolo, per il quale sono già finiti in manette la mamma del bimbo Letizia Spatola, 23 anni, detenuta nel carcere di Messina, e il suo compagno Salvatore Blanco, 32 anni, rinchiuso nel penitenziario di Cavadonna. Intanto, come ricorda “Siracusa News”, per la giornata di oggi, venerdì 11 settembre, è stato fissatol’incidente probatorio davanti al giudice per le indagini preliminari, Francesco Alligo, per sentire il fratellino di Evan, al fine di stabilire ulteriormente se e da chi la piccola vittima sia stata picchiata. A richiedere l’incidente probatorio sono stati lo stesso procuratore e il sostituto Donata Costa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA