OMICIDIO LUCA SACCHI/ Audio Del Grosso- Rispoli: “persone abituate a spacciare droga”

- Carmine Massimo Balsamo

Omicidio Luca Sacchi, spuntano i messaggi vocali di Del Grosso e Rispoli: raccontano un ambiente di persone abituate a spacciare

omicidio luca sacchi
Luca Sacchi (Sky Tg 24)

Nel corso della trasmissione La Vita in Diretta sono stati trasmessi gli audio tra Valerio Del Grosso, accusato di aver sparato a Luca Sacchi e Valerio Rispoli, il presunto intermediario al momento non indagato. L’audio in questione è relativo alle ore immediatamente successive alla morte del ragazzo che proprio ieri avrebbe compiuto 25 anni. Secondo quanto spiegato dall’inviata della trasmissione, quegli audio “raccontano l’ambiente di questi ragazzi, non era l’unica volta, parlano di trattative avanzate e definiscono i ruoli (“il cliente il mio”). A prescindere di chi parlavano, se questo cliente è Princi – “è uno sveglio e ha i soldi”, dicono –  quella sarebbe stata una trattativa di 15 kg di marijuana in cambio di 70 mila euro”, spiega l’inviata. Princi sarebbe cliente di Rispoli che non è indagato per l’omicidio Sacchi ma potrebbe raccontare molto di più. “Del Grosso dice che si fa a modo suo e avrebbe già cercato di imbrogliare quei clienti. Raccontano questo quei messaggi, ambiente di persone abituate a vendere droga e spacciare”, ha proseguito. In merito agli appuntamenti in aula, sappiamo che c’è stata una richiesta di giudizio immediato ma qualcuno ha chiesto rito abbreviato. Il prossimo 31 marzo ci dovrebbe essere la prima data del processo, ma la richiesta di rito abbreviato prevede che forse il giudice rinvierà tutto alla Corte Costituzionale, quindi cresce attesa. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

NOVITÀ SUL CASO SACCHI

Nuovi aggiornamenti sull’omicidio di Luca Sacchi, assassinato lo scorso 23 ottobre 2019 alla Caffarella con un colpo di pistola alla testa. Sei persone sono finite a processo e resta ancora da chiarire il ruolo della fidanzata Anastasiya, ma spuntano i messaggi vocali di Paolo Pirino e Valerio Del Grosso, colui che ha sparato il colpo di pistola che ha ucciso il personal trainer di 24 anni. Leggo ha reso note le intercettazioni mai uscite e lo scenario è chiaro, Luca Sacchi e la sua comitiva sono stati attirati in una trappola: «A quattro e due glieli stiamo a levà tutti. Ha detto che non se pija a sto prezzo perché fa schifo, Vale già stiamo a fa le cose strane che iene hai fatta vede una e ne porti n’altra ancora, nun poi fa cose, lui è svegli, c’ ha i soldi pe poté prende ste cose. Me spieghi a quanto gliela hai messa e quanto se la deve prende ste cose».

OMICIDIO LUCA SACCHI, GLI AUDIO DI PAOLO PIRINO E VALERIO DEL GROSSO

La fidanzata di Luca Sacchi ed i suoi compagni erano andati ad acquistare droga all’insaputa del 24enne, che ci ha rimesso la vita nella trappola tesa dai due criminali. A confermare ciò arrivano anche le chat ed i messaggi vocali di WhatsApp tra Valerio Del Grosso e Valerio Rispoli, quest’ultimo pusher. Come sottolinea Leggo, ci troviamo di fronte ad un delitto premeditato, giunto al culmine di un piano diabolico messo a punto dal killer Del Grosso e dal complice Pirino. Ricordiamo che questi ultimi si erano già resi responsabili di un episodio analogo nei confronti di due pusher albanesi di San Basilio. Attese novità nel corso delle prossime settimane: il prossimo 31 marzo inizierà il processo nei confronti Del Grosso, Pirino, Giovanni Princi, Marcello De Propris, il padre Armando De Propris (possessore della pistola utilizzata per il delitto) e Anastasiya Kylemnik.

© RIPRODUZIONE RISERVATA