Paola Turci/ “Il lockdown? È come se fossero bloccate le emozioni, ora attendo…”

- Anna Montesano

Paola Turci parla del suo lockdown e di quelli che sono i suoi prossimi progetti artistici: “Emozioni u po’ bloccate, ora attendo che…”

Paola Turci Concerto primo maggio
La cantante Paola Turci

Avrebbe dovuto organizzare una grande festa con i fan Paola Turci, come per lei accade ogni anno. Stavolta, in occasione del 25esimo anno, aveva deciso di prendere un po’ di tempo in più per creare una festa ancora più eccezionale con tanto di gadget. Poi però è arrivato il Coronavirus. “Ogni anno, da 25 anni, organizzo il raduno del fan club. mi ero data più tempo per festeggiare in grande, scelti tutti i gadget, tutti i regali”, racconta infatti al Corriere della sera, per poi svelare che la data scelta era “il giorno di primavera, il 21 marzo” e la location all’aperto: “Il parco vicino alla Casa del Cinema, a Villa Borghese”. Doveva essere un incontro festoso, un “pic-nic, io che cantavo con la chitarra, come tra veri amici”, ora però tutto è rimandato “Mi auguro si possa rifare il prossimo 21 marzo”, ammette.

Paola Turci parla dei suoi prossimi progetti musicali: emozioni bloccate ma…

Il lockdown ha reso impossibile per Paola Turci non solo questa festa ma anche portare avanti i suoi nuovi progetti artistici. “Avevo finito a metà dicembre gli impegni lavorativi, il tour. Il progetto era di chiudermi in isolamento per lavorare al prossimo disco”, racconta. Poi aggiunge: “Sono apparse delle idee, qualcosa, ma è tutto talmente condizionato, piegato a questa realtà, difficile per un artista astrarsi. È come se fossero bloccate un po’ le emozioni”. Non resta dunque che attendere “che il disco venga fuori come un fiume in piena, un flusso creativo come lo sfascio di una diga”. D’altronde, nonostante questo difficile periodo affrontato, la cantante ammette che “sto comunque ritrovando quella passione, quella sensazione di purezza, quando sei alle prime armi, hai aspettative altissime e la voglia di mantenere puro quello che stai facendo senza compromessi. Una nuova adolescenza nei confronti della musica”, conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA