Pavia, 26enne strangolata in villa/ Killer in fuga si è poi suicidato nelle campagne

- Niccolò Magnani

26enne cubana strangolata in casa: killer 48enne in fuga, si poi suicidato nelle campagne di Borgarello (Pavia). Mistero sul movente della tragedia

omicidio cusano milanino
Carabinieri (LaPresse)

Si è suicidato nelle campagne del Pavese il killer che qualche ora prima ha ucciso una 26enne di origini cubane, strangolandola nella sua stessa villa a Borgarello: la tragedia è avvenuta tutta in queste ultime ore, sconvolgendo la comunità del Pavese, e secondo i carabinieri si tratterebbe al 99% di un omicidio, con l’annuncio del ritrovamento del cadavere fatto da un parente della donna preoccupato dal fatto che non rispondeva al telefono da ore. In un primo momento gli investigatori avevano riferito delle ricerche in corso del proprietario dell’abitazione dove è stato rinvenuto il cadavere della 26enne: ma secondo quanto riportato poco fa da Tg Com24, l’uomo di 48 anni si sarebbe sparato in testa dopo una breve fuga nelle campagne attorno alla villa dell’orrore.

26ENNE STRANGOLATA IN VILLA NEL PAVESE: KILLER SUICIDA

Teatro della scena del delitto una villetta di Via Leonardo da Vinci 10 a Borgarello e purtroppo, come raccontato dal parente sotto choc della ragazza cubana, per lei non c’era più niente da fare: è morta strangolata e in casa in quel momento non c’era nessuno, a parte la povera ragazza. Come spiega Fanpage Milano, i carabinieri avrebbero già ascoltato alcuni testimoni e residenti della zona che hanno riferito di aver visto uno scooter allontanarsi dalla villa poco tempo prima. Sono poi gli stessi carabinieri a spiegare all’Ansa come l’uomo in fuga – a quanto pare il proprietario della villetta – si sarebbe sparato poche ore dopo nel mezzo delle campagne del Pavese.



© RIPRODUZIONE RISERVATA