Perché sono cadute le Torri Gemelle?/ Video crollo: fuoco fatale più degli aerei…

- Dario D'Angelo

Perché le Torri Gemelle sono cadute negli attentati dell’11 settembre 2001? E perché il crollo è stato verticale anziché sugli edifici circostanti? Video.

11settembre2001 america 1 lapresse1280 640x300
New York, 11 settembre 2001 (LaPresse)

Perché le Torri Gemelle sono cadute dopo gli attentati dell’11 settembre 2001? Chiunque abbia assistito agli attacchi dei terroristi di Al Qaida di venti anni fa, o guardato il video anni dopo, si è domandato come mai quei grattacieli, dopo lo schianto con gli aerei di linea, siano franati su loro stessi, aumentando tragicamente il bilancio dei morti. Di fatto, è la tesi, gli aerei avevano sì centrato gli edifici, ma le vittime avrebbero potuto essere unicamente i passeggeri del velivolo, le persone presenti sui piani interessati dall’impatto, quelli raggiunti dalle fiamme e dal fumo, ma certamente meno di coloro rimaste schiacciate nel crollo. Tutto vero, ma questo ragionamento non tiene conto del “trauma” subito dalle due Torri dopo lo schianto degli aerei. C’è da precisare che la causa diretta della loro caduta non è stata l’impatto con i velivoli, che pure viaggiavano alla velocità di 750 km/h e determinarono gravi danni alla struttura. A provocare il crollo, come chiarito dal rapporto tecnico del National Institute of Standards and Technology, fu infatti il fuoco

Perché le Torri Gemelle sono cadute? Video crollo

Gli aerei erano ancora pieni di carburante quando si sono scontrati con le Twin Towers. Ne deriva che l’esplosione ha alimentato le fiamme in maniera dirompente, portando la struttura a temperature elevatissime. Le conseguenze di questo fenomeno hanno portato i materiali con cui le Torri Gemelle erano costruite a perdere rigidiezza e resistenza. Sebbene non sia stato chiarto dove ebbe inizio la deformazione decisiva per il collasso, le ipotesi prendono in considerazione le travi orizzontali, il nucleo centrale o i pilastri perimetrali in acciaio. Nel caso in cui a cedere fossero state le travature retiolari dei solai, di fatto le Torri si sono ritrovate senza il sistema che collegava i pilastri esterni con il nucleo interno. Una rottura che ha provocato un indebolimento generale, già determinato dall’impatto degli aerei e aggravato dalla caduta, a causa dell’eccessivo calore, delle lastre di cemento dei solai, che non hanno fatto altro che aumentare il carico da supportare. Questo fragile equilibrio ha retto per 60 minuti. Poi il crollo dei piani, uno sull’altro, ha scatenato un effetto domino incontenibile, provocando il collasso dell’intera strutta. Le Torri Gemelle, come hanno osservato in molti, sono crollate su loro stesse anziché sui palazzi circostanti. In presenza di un edificio massiccio di cemento armato, il crollo sarebbe forse avvenuto su un lato, provocando danni e un numero di morti anche maggiori.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA