CAOS ROMA/ Il nuovo “Regolamento” M5s? Una trappola per Pizzarotti (e Raggi)

- int. Mauro Suttora

Per MAURO SUTTORA, Virginia Raggi può già vantare un record mondiale: ha scelto tre assessori al Bilancio e tre capi di gabinetto, eppure nessuno di loro alla fine si è insediato 

virginiaraggi_sindaco1R439
Virginia Raggi (Foto: LaPresse)

“Virginia Raggi può già vantare un record mondiale: ha scelto tre assessori al Bilancio e tre capi di gabinetto, eppure nessuno di loro alla fine si è insediato. O il sindaco è molto sfortunato o è molto stupido”. E’ la constatazione di Mauro Suttora, inviato del settimanale Oggi ed esperto del fenomeno Cinque Stelle. Ieri l’economista Salvatore Tutino ha annunciato che rinuncerà all’incarico di assessore al Bilancio del Comune di Roma: “Mi tiro indietro, sono da 20 giorni sulla graticola. Lascio per il clima che c’è all’interno del partito che dovrebbe sostenere la giunta di Roma”.

Tutino rinuncia a fare l’assessore. Ha paura di finire vittima dell’ennesimo “tiro al piccione”?

Sì. Tutino era già stato contestato dai deputati nel 2013 quando il governo Letta lo nominò alla Corte dei Conti, in quanto percepisce una pensione d’oro. Quindi non si capisce perché Virginia Raggi sia andata a scegliere proprio lui. E’ il terzo assessore al Bilancio che prima è scelto e poi non riesce ad insediarsi: sembra quasi che il sindaco faccia apposta.

Non avrà ormai esaurito tutti i nomi possibili?

Ci sono decine di persone qualificate disposte a fare l’assessore al Bilancio a Roma. O la Raggi è molto sfortunata o è molto stupida.

Anche con il capo di gabinetto abbiamo visto lo stesso film…

Tra i capi di gabinetto che erano in predicato o addirittura già nominati e poi sono stati “dimissionati” ci sono Daniele Frongia, Raffaele Marra e Carla Raineri. Adesso la Raggi sta cercando il quarto capo di gabinetto e il quarto assessore al Bilancio in due mesi. Penso che sia un record mondiale. Ma il sindaco di Roma non si è fermato qui.

In che senso?

Anche il capo della segreteria particolare, Salvatore Romeo, è stato contestato per il fatto che ha triplicato lo stipendio: prima prendeva 40mila euro l’anno e adesso 110mila. Gli era stato chiesto di ridurlo almeno a 60-80mila, ma pare che finora non sia stato fatto.

Si aspetta delle novità dal voto di giovedì sulle Olimpiadi?

No, penso che non ci sia più spazio per esprimere delle perplessità, anche se esistono. Bisognerà vedere che cosa farà l’assessore all’Urbanistica, Paolo Berdini, che aveva detto esplicitamente di essere favorevole. Comunque tra i 29 consiglieri comunali non dovrebbero esserci delle grandi defezioni. Se all’interno di M5s ci fosse libertà, in parecchi voterebbero a favore delle Olimpiadi. Ma se qualcuno osasse esprimere un voto in dissenso, sarebbe subito espulso e quindi nessuno lo farà.

Nel frattempo a che cosa servono Non Statuto e Regolamento di M5s?

Lunedì si è aperta una votazione sul Regolamento che durerà per un mese, ed è semplicemente assurdo chiedere a 100-150mila iscritti a M5s di esprimersi su un argomento così complicato. Andrà a finire che con un atto di fede voteranno Sì senza avere capito nulla. Io almeno ho capito una cosa.

 

Che cosa?

Chi ci rimette da questo Regolamento è Federico Pizzarotti, perché con una decisione contraria a qualsiasi norma del diritto si allungano i tempi per l’espulsione da 60 a 180 giorni, specificando che la regola è applicata anche ai procedimenti in corso. Qualsiasi studente di giurisprudenza del primo anno impara però che vale sempre la norma in vigore al momento del reato. Del resto qualsiasi cosa facciano i 5 Stelle non ha base giuridica.

 

A che cosa si riferisce?

Gli stessi cinque membri del direttorio sono stati nominati due anni fa con una decisione calata dall’alto, e soprattutto senza un’indicazione sulla loro durata. Il fatto di averli nominati “in aeternum” adesso si ritorce contro Beppe Grillo, perché non sa più come farli fuori.

 

I giornali hanno descritto la convention di Palermo come un braccio di ferro tra il duo Di Battista-Di Maio da un lato e i movimentisti ribelli dall’altra. Condivide questa lettura?

Sì. Resta il fatto che Di Battista e Di Maio sono molto furbi e per ora rimangono uniti, perché capiscono di essere di gran lunga più popolari rispetto agli altri membri del Direttorio, in quanto soltanto Paola Taverna ha un numero di fan su Facebook pari a loro. Di fatto però Di Battista e Di Maio rappresentano le due opinioni antitetiche. Di Maio è un riformista, o un “democristiano” come dicono i suoi detrattori, mentre Di Battista fa il rivoluzionario che le spara grosse.

 

(Pietro Vernizzi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori