Governo, 20 grillini pronti a passare alla Lega/ Esponenti M5s affascinati dal Carroccio: cambio di casacca?

- Carmine Massimo Balsamo

Governo, 20 grillini pronti a passare alla Lega. Indiscrezione de Il Giornale: alcuni esponenti M5s affascinati dal Carroccio, cambio di casacca in vista?

I leader del governo
Luigi Di Maio, Giuseppe Conte e Matteo Salvini (Facebook)

Indiscrezione che scuote il governo Lega-Movimento 5 Stelle quella rilanciata da Il Giornale: una ventina di grillini sarebbero pronti a salire sul Carroccio. Domenico Di Sanzio svela che diversi esponenti pentastellati sarebbero rimasti affascinati da Matteo Salvini, tanto da essere pronti a seguirlo. E il ministro dell’Interno ne trarrebbe beneficio a sua volta: potrebbero infatti «rappresentare l’assicurazione sulla vita per il leader del Carroccio, anche in caso di divorzio dall’alleato Luigi Di Maio». Dopo le voci sulle mosse di Silvio Berlusconi e di Forza Italia per cercare un buon numero di responsabili, ecco nuove voci scottanti per il M5S, che deve fare i conti con i dissidenti riconducibili alla “sinistra grillina” guidata dal presidente della Camera Roberto Fico. Questi venti deputati, sottolinea il quotidiano, sono pronti a seguirlo in un’eventuale avventura senza i 5 Stelle.

I RETROSCENA

Altra grana per Luigi Di Maio, sempre più debole e isolato nel Movimento 5 Stelle: la leadership del Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico è in discussione da tempo ed è tutto pronto per un cambio al vertice, con Alessandro Di Battista destinato a coglierne l’eredità. Sono tre le motivazioni che stanno alla base di questa “simpatia spontanea” dei grillini verso il carroccio: «la convinzione che la Lega abbia un futuro più solido rispetto ai Cinque Stelle, la voglia di far proseguire la legislatura se dovesse scoppiare una crisi di maggioranza, la mancanza di condivisione delle scelte all’interno del Movimento». Non sono stati svelati i nomi delle persone in questione, ma si parla di parecchi parlamentari al primo mandato: un disagio tra i neo grillini, dunque, senza dimenticare i candidati della società civile lanciati dal vice premier pentastellato in campagna elettorale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA