Boldrini contro Il Tempo/ Non è più la ‘presidenta’ della Camera e attacca gli avversari: “siete fascisti”

- Niccolò Magnani

Laura Boldrini contro Il Tempo: risponde a “Bella ciao” del quotidiano, “siete fascisti!”. L’eredità della ex Presidente della Camera dei Deputati, da oggi. Avversari e attacchi

laura_boldrini_presidente_camera_monecitorio_sinistra_lapresse_2017
Laura Boldrini (LaPresse)

Laura Boldrini da questa mattina non è più la Presidente della Camera dei Deputati – o come direbbe lei, la “presidenta”: non sono pochi gli avversari politici che la riconoscono come una delle peggiori cariche dello Stato nelle Seconda Repubblica, ma al netto delle polemiche contro la sua posizione e le sue battaglie è innegabile che la Boldrini abbia portato negli ultimi 5 anni a Montecitorio un misto di guerra “femminista-antifascista-promigranti”. I tre nodi del suo “pensiero” hanno rappresentato l’intera campagna elettorale di Liberi e Uguali che però non ha pagato per nulla in termini di risultati, con il flop degli scissionisti del Pd e degli ex Sel, di cui faceva parte la Boldrini; negli ultimi giorni il quotidiano romano Il Tempo ha dedicato due titoli alla “presidente” alquanto provocatori. Ieri “Bella ciao” salutava l’addio dalla Camera della Presidente mai amata da quotidiani e dalla cultura di centrodestra, mentre oggi arriva un secondo “attacco” dopo la risposta a distanza della stessa Boldrini ad Un Giorno da Pecora. «Mi criticano? È l’ennesima prova che ci sono delle differenze: i fascisti stanno da una parte e gli antifascisti dall’altra. Io sono orgogliosamente antifascista». Insomma, il concetto è che criticare le opinioni e le mosse politiche di alcuni ti fa scattare immediatamente dall’essere un “fascista”: su questo il quotidiano “Il Tempo” ha voluto rispondere oggi, scrivendo in prima pagina «Che fosse ossessionata lo sapevamo. Ma non fino a questo punto. A Laura Boldrini non è andato proprio giù quel «Bella Ciao» con cui Il Tempo ha salutato il suo addio allo scranno più alto della Camera. La «presidente partigiana» continua a dividere il mondo tra buoni e cattivi. Anzi, tra «antifascisti» e «fascisti». Neanche la sonora bocciatura degli elettori l’ha convinta a farla finita con questa crociata fuori stagione».

L’EREDITÀ DI LAURA BOLDRINI

Un’eredità importante quella della Boldrini che per anni ha puntato sul ruolo della donna più centrale nella società e nella politica: sempre nell’ultima intervista ad Un Giorno da Pecora su Radio1 ha spiegato «vorrei che come è stato negli ultimi 5 anni alla Camera si faccia una Camera della buona politica. Sarei contenta se tra Senato e Montecitorio ci fosse ancora una donna alla guida». Una “battaglia” monotematica ormai che vede la Boldrini spesse volte attaccata (e oltraggiata in maniera indegna, questo va detto al netto delle simpatie o antipatie politiche, ndr) proprio per questa sua insistita battaglia femminista e antifascista. «Chi mi succederà dovrà abbandonare le istanze della propria parte politica e assumere un ruolo di assoluta garanzia e sobrietà: se sarà un 5 Stelle, dovrà naturalmente essere all’altezza del delicato compito. Io ho posto al centro la questione femminile in questi anni ma sono certa che anche chi verrà dopo continuerà sulla stessa falsariga. Per quanto riguarda l’Aventino del Pd non commento, ricordo a tutti però che mentre parliamo di cariche ci sarebbero anche delle politiche da discutere su lavoro, salute ed ambiente», ha spiegato invece ieri durante la conferenza stampa di Liberi e Uguali da Montecitorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori