Prove Invalsi 2024, date test obbligatori per maturità e terza media/ Al via 1 marzo con le quinte superiori

- Silvana Palazzo

Prove Invalsi 2024, al via i test obbligatori per maturità e terza media. Le date: si comincia l'1 marzo con le quinte superiori. Il problema del gap da recuperare anche col Pnrr

Classe Lezione Scuola Ansa1280 640x300 Ansa

Si avvicinano le Prove Invalsi 2024. Per circa 529mila studenti di quinta superiore dall’1 al 27 marzo, mentre per 560mila alunni di terza media dal 4 al 30 aprile. Per la primaria le prove si terranno il 7 e 9 maggio, in seconda superiore dal 13 al 31 maggio. Anche quest’anno le prove standardizzate sono un requisito di ammissione agli esami di maturità e terza media. Se poi si tiene conto degli altri gradi coinvolti, cioè la seconda e quinta elementare e la seconda superiore, la platea arriva a 2,6 milioni di studenti coinvolti dalle prove Invalsi 2024. Tutti gli studenti dovranno sostenere una prova di italiano e una di matematica. Quelli di quinta primaria, terza media e quinta superiore dovranno però cimentarsi anche con l’inglese, tra reading (lettura) e listening (ascolto).

Le modalità di somministrazione delle prove cambiano in base al ciclo di istruzione: alla primaria le prove sono cartacee e avvengono in maniera simultanea nello stesso giorno e alla stessa ora per ogni materia. Invece, alla secondaria si usa la modalità computer based e le prove vengono svolte in un periodo stabilito a livello nazionale. La finestra temporale, come ricordato dal Sole 24 Ore, può essere gestita in maniera autonoma, in base al numero di allievi e di pc disponibili. Le classi campione, quelle cioè scelte come rappresentative del sistema scolastico italiano e i cui risultati vengono presi come riferimento, sostengono le prove Invalsi 2024 in giorni ad hoc: 1, 4, 5 e 6 marzo per la quinta superiore; 4, 5, 8 e 9 aprile in terza media; 13, 14 e 15 maggio in seconda superiore.

PROVE INVALSI, GAP DA RECUPERARE CON IL PNRR

Le prove Invalsi da sempre rimarcano i punti di forza e di debolezza della scuola per indirizzarla verso il miglioramento. Anche se sono passati già tre anni dal Covid, i risultati dell’anno scorso sono stati preoccupanti. Infatti, la metà degli alunni non raggiunge livelli di apprendimento minimi in italiano, matematica e inglese. Le percentuali più alte sono state registrate al Sud e nelle famiglie che provengono da contesti svantaggiati.

Oltre a servire come strumento di valutazione degli apprendimenti, utile per le statistiche internazionali oltre che nazionali, le Prove Invalsi, con l’arrivo del Pnrr e i gap da recuperare, sono importanti – ricorda il Sole 24 Ore – anche per ottenere le risorse destinate alla riduzione dei divari territoriali. Si parla di 1,5 miliardi del Pnrr, rimasti tali anche dopo la rimodulazione. Al momento ne sono arrivati a destinazione quasi 1,3 miliardi, quindi sul piatto restano poco più di 200 milioni destinati, in piccola parte, ai centri territoriali di supporto, mentre 150 milioni circa alle paritarie.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Prove Invalsi

Ultime notizie