Reddito di cittadinanza, rissa tra fratelli/ Uno riceve card, l’altro non lo accetta

- Paola Stigliano

Due fratelli litigano in pubblico per la gestione della card del reddito di cittadinanza: il più piccolo viene arrestato, perché ha picchiato e ferito il fratello maggiore.

testa divinità campidoglio
Campidoglio, immagine di repertorio (LaPresse, 2019)

Entrambi presentano la domanda per ottenere il reddito di cittadinanza. Soltanto una delle due richieste viene accolta, così i due fratelli finiscono per picchiarsi violentemente. Succede a Catania, dove i carabinieri sono stati costretti ad intervenire. Il terzo fratello era in casa quando ha sentito dapprima alzare i toni eccessivamente e poi ha assistito alla rissa, iniziata dal fratello più piccolo. Infatti, quest’ultimo ha spinto violentemente il fratello verso la porta finestra di casa. L’impatto è stato così forte da rompere il vetro. L’uomo, finito a terra, ha subito diverse lesione proprio a causa dei pezzi di vetro che hanno ricoperto il suo corpo ormai a terra. Si è ferito in particolare al collo. Vista la gravità della situazione, il terzo fratello lo ha soccorso subito e ha allertato l’ambulanza. I carabinieri hanno arrestato il colpevole dell’aggressione, ovvero il fratello più piccolo.

Reddito di cittadinanza, solo uno ha la card: l’altro lo picchia

La lite tra i due fratelli è nata nel momento in cui hanno visto che soltanto uno di loro ha ottenuto la card. Di conseguenza, hanno discusso per capire chi dovesse amministrare il denaro ricevuto. Il nominativo indicato sulla card è quello del fratello maggiore, che quindi si è impuntato. I due sono anche tornati all’Inps, per chiedere delucidazioni in merito alla scelta fatta. L’istituto ha spiegato che la card era soltanto una poiché i due convivevano. I due fratelli hanno comunque continuato a litigare per giorni, perché il più piccolo non accettava che non gli fossero stati accreditati i soldi. Entrambi, infatti, erano disoccupati da tempo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA