RETTIFICA/ Sull’articolo “Decreto Green Pass è incostituzionale”/ Magistrati:…

- La Redazione

In merito all’articolo “Decreto Green Pass è incostituzionale”/ Magistrati: “contro norme Ue” pubblicato su queste pagine il 4 agosto ci è giunta richiesta di rettifica di cui riportiamo il testo

computer phishing
(LaPresse)

Al Direttore Responsabile del Sussidiario,

A nome e per conto di MAGISTRATURA DEMOCRATICA, da lei citata nell’articolo dal titolo “Green Pass incostituzionale? Magistrati contro norme Ue”  in cui si attribuiscono a Magistratura democratica i dubbi e la posizione invero sostenuta da altro autore “L’Osservatorio Permanente per la legalità costituzionale” e pubblicata sulla nostra rivista “Questione Giustizia” (https://www.questionegiustizia.it/articolo/sul-dovere-costituzionale-e-comunitario-di-disapplicazione-del-cd-decreto-green-pass), nell’ambito della rubrica “Tribuna aperta” (spazio dedicato, con ogni evidenza, alle opinioni anche difformi dalla nostra, come nel caso concreto) le chiediamo di rettificare quanto scritto precisando che: “Magistratura democratica, sia pure nel rispetto della dialettica democratica che si sviluppa attorno a temi così importanti per la salute dei cittadini, considera la vaccinazione anticovid un onere, il cui mancato adempimento può giustificare una serie di calcolate restrizioni e limitazioni, adottate nell’interesse collettivo in vari ambiti della vita sociale (mobilità, accesso a luoghi pubblici, sedi di lavoro). All’onere di vaccinarsi si accompagna il dovere introdotto, dal 6 agosto u.s., anche nel nostro Paese, di attestarne l’adempimento con una certificazione pubblica, un pass o altro chiaro segno di riconoscimento per reintrodurre nella esperienza sociale le condizioni di almeno relativa sicurezza e di tranquillità compromesse dalla prosecuzione dei contagi. Magistratura democratica non condivide l’opinione di chi vuole tutelare, in modo irrazionale ed al di fuori del metodo scientifico, una idea di libertà individuale disgiunta dalla responsabilità collettiva e dalla realizzazione del bene comune, sentendo tra i suoi scopi primari la difesa dei più deboli per ragioni di salute, di giustizia sociale o di mezzi.”



© RIPRODUZIONE RISERVATA