CULTURA/ Tullia Zevi sepolta al Verano accanto al marito, Alemanno e Zingaretti al funerale

- La Redazione

La giornalista ex presidente dell’Ucei è stata sepolta nella tomba di famiglia accanto al marito. Molte autorità presenti al funerale, dal sindaco al presidente della Provincia, da Elio Toaff a Pierferdinando Casini.

zevi_tullia
Tullia Zevi (Imagoeconomica)

Si sono tenuti stamattina, nel cimitero monumentale del Campo Verano, i funerali della giornalista Tullia Zevi, morta sabato scorso. L’intellettuale, ex presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane, è stata accanto al marito sepolta nella tomba di famiglia, nel settore ebraico del cimitero. Prima che la salma fosse deposta nella tomba, il feretro ha attraversato le vie del Ghetto di Roma, secondo un’antica tradizione della comunità ebraica.

L’ex rabbino capo Elio Toaff ed il rabbino capo Riccardo Di Segni hanno accompagnato il corteo funebre per tutto il tragitto. Molte le personalità presenti alla cerimonia. C’erano il sindaco di Roma Gianni Alemanno e il presidente della Provincia Nicola Zingaretti, gli ex sindaci Waler Veltroni e Francesco Rutelli, il presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane, Renzo Gattegna, e quello della comunità ebraica romana, Riccardo Pacifici. Tra i politici anche Piero Fassino e Pier Ferdinando Casini.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SUI FUNERALI DI TULLIA ZEVI CLICCANDO SULLA FRECCIA





Presenti gli intellettuali Arrigo Levi, Vincenzo Vita, Giovanni Maria Flick, Alessandro Ruben, e il presidente della Fondazione Museo della Shoah, Leone Pasermann. Un messaggio di partecipazione al dolore della famiglia è stato espresso dalla Comunità di Sant’Egidio: «Nel tempo difficile che viviamo a livello planetario, la memoria di Tullia Zevi ci ammonisce a non dimettere mai lo sforzo di lavorare con pazienza e fiducia, ma anche con delicatezza, perché la società mantenga saldi i valori della convivenza e del reciproco rispetto, senza cedere a contrapposizioni e particolarismi, che offendono il bene comune».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori