RIFIUTI/ Roma, Ignazio Marino sorprende e rimprovera dipendenti Ama che non fanno la raccolta differenziata

Non è da tutti essere “pizzicati” dal sindaco in persona a fare volontariamente nel modo sbagliato la raccolta differenziata dei rifiuti. E’ invece accaduto martedì ad alcuni operatori Ama

18.06.2013 - La Redazione
rifiuti_R439
foto Infophoto

Non è da tutti essere “pizzicati” dal sindaco in persona a non fare volontariamente la raccolta differenziata dei rifiuti. E’ invece accaduto martedì ad alcuni dipendenti dell’Ama, l’azienda capitolina che si occupa dei rifiuti della città. Un fatto che può far sorridere, ma anche inquietare, visto che il problema rifiuti a Roma è da sempre al centro di accese polemiche. E’ stato Ignazio Marino, neo primo cittadino, a descrivere quanto avvenuto: “Girando in bicicletta mi sono accorto che ci sono anche altri vantaggi: oggi ho sorpreso alcuni dipendenti dell’Ama che mettevano il vetro nei contenitori dei rifiuti indifferenziati, invece di quelli dedicati che erano lì di fianco. Mi sono fermato e (non con spirito punitivo) ho chiesto loro cosa stessero facendo”. I dipendenti, ovviamente, sono rimasti a bocca aperta: “Si sono un po’ sorpresi vedendomi, e io ho detto loro che dobbiamo dare il buon esempio, come amministrazione, ai cittadini. Non possiamo permetterci di versare decine di bottiglie di vetro nel contenitore sbagliato”. Gli operatori Ama, fa sapere il sindaco, “hanno capito e credo che questo servirà per far sì che non si ripetano questi episodi. Spero anche che la dirigenza faccia attenzione, perché l’Ama deve dare il buon esempio”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori