Ruba auto con tre bambini: linciato dalla folla/ 54enne giustiziato in strada

Dramma in Philadelphia: un 54enne linciato dalla folla per aver rubato un’auto con tre bambini a bordo, ammazzato con calci e pugni.

linciato dalla folla eric hood
Philadelphia, Eric Hood linciato dalla folla

Linciato dalla folla per aver rubato un’auto con tre bambini a bordo: questa la morte di Eric Hood, 54enne di Philadelphia. Come riporta la stampa americana, l’uomo è stato letteralmente giustiziato in strada: una morte atroce, colpito con calci e pugni fino al decesso. Secondo una ricostruzione delle forze dell’ordine, Hood ha rubato una vettura lasciata incustodita per pochi attimi da una coppia di genitori, che hanno lasciato i bimbi da soli in macchina per fermarsi a comprare qualcosa da mangiare in un bar. La fuga di Hood non è però durata molto a causa del traffico: il padre dei piccoli lo ha fatto scendere dall’auto di forza ed ha iniziato a picchiarlo selvaggiamente. Sul posto è sopraggiunta la folla, che si è accanita contro l’uomo. Soccorso dai sanitari, per il ladro non c’è stato niente da fare: i medici del Temple University Hospital non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

LINCIATO DALLA FOLLA, DRAMMA IN PHILADELFIA

Sul caso stanno investigando le forze dell’ordine: i due genitori infatti rischiano di essere incriminati per la morte del 54enne, con i poliziotti che stanno cercando di rintracciare le altre persone coinvolte nel linciaggio. Cbs sottolinea che la polizia considera la «giustizia di strada» come un serio problema a Philadelphia, infatti non si tratta del primo caso registrato negli ultimi anni. «Non c’è nessuno che vince in questa brutta storia», le parole di un nipote di Hood ai microfoni di Abc News: «E’ una tragedia», spiega il giovane, sottolineando come lo zio stava lottando da tempo contro l’alcol e l’abuso di droghe. «Non era in lui, questo non è lo zio che io ricordo», ha proseguito il nipote, che ha poi aggiunto: «Come è possibile infilarsi nella macchina di qualcuno con i bambini a bordo? Chi lo fa?».



© RIPRODUZIONE RISERVATA