Michigan, scopre un cancro per una chiazza in testa/ Tumore mammario metastatico: dal parrucchiere la scoperta

- Matteo Fantozzi

Una donna del Michigan ha scoperto di avere un cancro mammario metastatico dal parrucchiere quando le è stata mostrata una chiazza simile a una bruciatura. La storia di Patty Bolle.

cancro_seno_fiocco_2018_pixabay
Giornata mondiale contro il cancro 2019 (Pixabay)

Una donna nel Michigan ha scoperto di avere un cancro mammario metastatico dal parrucchiere. Patty Bolle si era recata infatti in un centro per sistemare la sua acconciatura quando la signora che le stava facendo i capelli si è accorta di una strana chiazza calva sulla sua testa che era molto simile a una bruciatura. Tredici anni prima la signora Bolle aveva affrontato un tumore al seno che sembrava aver superato brillantemente dopo diverse sedute di chemioterapia, radio e anche un intervento. Aveva superato anche la soglia dei cinque anni, considerata fondamentale per il riproporsi delle recidive tanto da aver dimenticato quel brutto periodo. Purtroppo però dal parrucchiere è arrivata la triste scoperta che l’ha costretta a sottoporsi a nuovi esami. Questi hanno evidenziato, purtroppo per lei, la presenza di un cancro mammario metastatico. Una scoperta casuale che però le ha permesso di iniziare più tempestivamente le cure nonostante la fase già avanzata del male.

“Per curarlo potrebbero volerci degli anni”

Patty Bolle non si è arresa di fronte alla diagnosi di un cancro mammario metastatico, ma si è detta pronta a lottare come aveva già fatto tredici anni prima. La donna del Michigan ha raccontato la sua storia a WSYM-TV specificando di non volersi arrendere nonostante per avere dei risultati “ci potrebbero volere degli anni”. Sulla rivista Ear Nose & Throat è stata pubblicata nel 2017 una ricerca che può essere correlata a questo caso. In questa si evidenzia come un cancro metastatico al seno si manifesti davvero molto raramente sulla testa e sul collo, andando a colpire principalmente fegato, polmoni, ossa o cervello. Il caso della signora Bolle però è uno di quelli che invita la ricerca ad analizzare anche i casi più rari per cercare di trovare delle soluzioni. La bruciatura sulla testa infatti raramente rappresenta uno stato avanzato di tumore al seno, ma spesso può rappresentare altri tipi di patologie.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori