Vaccino contro il cancro / Efficace al 100% cura il tumore e ne blocca la recidiva

- Matteo Fantozzi

Il vaccino contro il cancro è efficace al 100%: balzo in avanti pe la cura del tumore con la recidiva che può essere bloccata. I topi rispondono in maniera positiva alla sperimentazione.

cavia_laboratorio_sperimentazione-animale-favorevoli-o-contrari
Sperimentazione animale, favorevoli o contrari?

Per ora si parla solo di esperimenti sui topi, ma quello che sembra abbastanza evidente è come la ricerca stia facendo dei passi da gigante contro il tumore. Un vaccino è stato efficace al 100% sugli animali, in grado di curare il cancro e anche di bloccare la recidiva. Il vaccino sperimentale è in grado di stimolare il sistema immunitario proprio contro il tumore e di mantenersi attivo contrastando quelle che sono le recidive. Ora sarà importante capire se questo vaccino potrà essere applicato anche agli esseri umani. Di certo si tratta di una sconvolgente novità che potrebbe regalare molto presto dei benefici alla medicina, riuscendo a sconfiggere quella che rimane una piaga dei nostri tempi. Fino a questo momento la medicina è riuscita anche a raggiungere dei risultati pregevoli nel campo in questione senza però mettere ancora la parola fine.

LO STUDIO DELLO SCRIPPS RESEARCH INSTITUTE

I ricercatori dello Scripps Research Institute hanno pubblicato sulla rivista specializzata TLR1/TLR2 uno studio legato a degli ipotetici vaccini per il tumore. Si tratta di una cura sperimentale in grado di stimolare il sistema immunitario a combattere proprio contro il cancro. Questo fa sì che non solo la patologia vada curata, ma anche che siano evitate delle recidive. È stata aggiunta la molecola Diprovocim in grado di attirare le cellule che sono capaci di combattere il cancro. Viene sottolineato inoltre nello studio come questo vaccino possa aiutare a incrementare le possibilità di cura nei casi in cui la terapia antitumorale non sia in grado di funzionare da sola. Una scoperta che potrebbe dunque rivoluzionare il mondo della medicina.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori