Santa Sofia, Salvini: “Fanatismo turco”/ Video “A Milano moschea al posto del Duomo?”

- Alessandro Nidi

Il leader della Lega in protesta a Milano: “Personalmente bloccherei qualsiasi tipo di finanziamento nei confronti del regime turco”

sondaggi politici
Matteo Salvini, leader Lega (LaPresse, 2020)

Sulla questione Santa Sofia, che il Governo della Turchia ha deciso di trasformare in una moschea, è intervenuto nelle scorse ore anche Matteo Salvini, leader della Lega, che ha abituato gli italiani al suo carattere diretto, che rifugge la retorica e non le manda certo a dire. Ebbene, il numero uno del partito del Carroccio si è recato sotto la sede del consolato turco di Milano per protestare formalmente contro la decisione dell’esecutivo locale; insieme a lui, una cinquantina di persone, molte delle quali reggevano tra le mani alcuni cartelli che riportavano gli slogan “Giù le mani da Santa Sofia”, “Mai la Turchia in Europa” e “Santa Sofia non è una moschea”. Salvini ha quindi dichiarato: “Non è possibile che i patrimoni storici e culturali prima ancora che religiosi della cristianità nel mondo vengano trasformati in moschee. Non è possibile che il fanatismo islamico cancelli secoli di storia, di diritti, di libertà e conquista. E quindi non è possibile che il regime turco possa permettersi di trasformare le chiese in moschee senza che nessuno apra bocca. Siamo vicini alla sofferenza del Santo Padre”.

SANTA SOFIA, MATTEO SALVINI: “ANCHE IL DUOMO SARÀ UNA MOSCHEA?”

Inequivocabilmente adirato per la scelta del Governo turco di trasformare Santa Sofia in una moschea, Matteo Salvini si è prodotto in un’ulteriore riflessione di fronte alle telecamere e ai microfoni dei giornalisti, giunti numerosi sul posto per raccogliere le sue impressioni. “Speriamo che la comunità internazionale reagisca e che l’Unione europea, che sta riempiendo il regime turco di miliardi, reagisca. Anche perché hanno detto che è solo il primo passo. A furia di chinare il capo, tra un po’ ci troviamo una moschea al posto del Duomo. Poi, dopo un attimo di pausa, ha lanciato la frecciata finale: “Personalmente bloccherei qualsiasi tipo di finanziamento nei confronti del regime turco e chiuderei una volta per tutte ogni ipotesi di adesione della Turchia all’Europa. Abbiamo dato più di dieci miliardi di euro a un regime che trasforma le basiliche in moschee e penso che stavolta abbiano esagerato. Dal Governo sento silenzio e da cittadino italiano mi vergogno di questo silenzio”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA