Scuole, piano riapertura settembre/ “Scaglionamento? Si, ma non ogni quarto d’ora”

- Silvana Palazzo

Scuole e Fase 2, il piano per la riapertura a settembre: “Tre scenari in base all’andamento dell’epidemia di coronavirus. Ci sarà un minimo di scaglionamento ma non ogni 15 minuti”

scuola chiusa 640x300
Scuole chiuse per il coronavirus (LaPresse)

Il piano scuole verrà presentato ufficialmente a giorni: lo annuncia Anna Ascani, sottosegretaria all’Istruzione. Intervenuta ai microfoni di Radio 24, durante la trasmissione radiofonica “24 Mattino”, ha spiegato che verranno presentati tre tipi di scenario per la riapertura, a seconda dell’andamento dell’epidemia di coronavirus. «Un minimo di scaglionamento ci sarà, ma non ogni quarto d’ora, altrimenti nei plessi più grandi si rischia di far entrare gli ultimi studenti a ridosso dell’orario di uscita. Quindi non sarà così». Ascani smentisce, dunque, le indiscrezioni delle ultime ore sul protocollo che si sta studiando. Una cosa è sicura: «Quello che invece succederà è che non si potrà entrare e uscire tutti insieme, perché se dobbiamo evitare assembramenti all’interno delle classi li dobbiamo evitare anche in entrata e in uscita o annulleremmo ogni sforzo». Il piano scuola a cui si sta lavorando verrà sottoposto al Comitato tecnico scientifico che dovrà dare il via libera alle misure di prevenzione che si stanno prevedendo.

SCUOLE E FASE 2, PROTOCOLLO RIAPERTURA

I genitori dovranno restare fuori dalle scuole il più possibile, ci sarà la misurazione della febbre e i tamponi nel caso in cui la temperatura dovesse risultare alta. Si pensa anche a mascherine obbligatorie, percorsi differenziati nei corridoi e ingressi distanziati nelle classi. Questi sono solo alcuni punti della bozza del protocollo per la sicurezza nelle scuole (e la loro riapertura) di cui avrebbero discusso i tecnici del ministero dell’Istruzione con i sindacati e le associazioni dei presidi, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera. I punti principali riguarderebbero la sicurezza del personale e le prescrizioni in capo ai presidi, i quali dovranno assicurare le informazioni e la formazione del personale e di tutti coloro che entrano nelle scuole. Dovranno anche stilare un piano per la pulizia e la sanificazione in modo che gli ambienti siano sicuri. Sull’obbligo delle mascherine non ci sono certezze: l’ipotesi è al vaglio degli esperti del Cts. Non si esclude l’ipotesi che possa riguardare solo gli “estranei” o tutto il personale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA