SPERANZA “VEDREMO LA LUCE DOPO L’INVERNO”/ “Rispettiamo ancora le regole”

- Davide Giancristofaro Alberti

Speranza, intervistato stamane da Repubblica, sul vaccino, sull’inizio della scuola, sul vaccino anti-influenzale e non solo…

bollettino coronavirus italia
Roberto Speranza, Ministro della Salute (LaPresse, 2020)

Tanti gli argomenti trattati dal ministro della salute, Roberto Speranza, durante l’intervista di stamattina ai microfoni del quotidiano Repubblica. Si è parlato in particolare del vaccino, non soltanto quello contro il coronavirus ma quello che combatterà l’influenza, visti i sintomi molto simili all’infezione da covid. A riguardo l’esponente del governo ha spiegato: «Ne abbiamo prenotato il 70% in più rispetto agli altri anni – ha detto il ministro – c’è stato un rafforzamento significativo». Si è poi colloquiato molto della scuola, che domani riaprirà finalmente i battenti dopo sette mesi di chiusura forzata. Si è molto discusso nelle ultime settimane sulla necessità di misurare la temperatura degli studenti prima dell’uscita da casa e a riguardo Speranza ha spiegato: “Come ha spiegato il Comitato tecnico scientifico – sottolinea Speranza – la febbre va misurata a casa perché il tragitto fino a scuola è già occasione di incontri. Pensi solo ai mezzi pubblici. E per evitare assembramenti fuori dagli istituti scolastici”. Infine, sul certificato medico per assenze superiori ai tre giorni: “Ci sarà un’attestazione da parte dei medici e dei pediatri. In caso di sospetto Covid la famiglia chiamerà il medico che valuterà di cosa si tratta”. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

SPERANZA “COVID? DOPO L’INVERNO VEDREMO LA LUCE. CURA E VACCINO SONO VICINI”

Sono decisamente interessanti le dichiarazioni rilasciate stamattina dal ministro della salute, Roberto Speranza, ai microfoni del quotidiano Repubblica. Secondo lo stesso, si inizia a intravedere la luce in fondo al tunnel, segno che l’epidemia di coronavirus ha i mesi contati. “Una cura e un vaccino per il Covid sono vicini“, le parole dell’esponente dell’esecutivo, che poi invita la popolazione ad avere ancora un po’ di pazienza, a rispettare le regole anti contagio ancora per qualche mese se non settimana: “Dobbiamo ancora mantenere il distanziamento, portare le mascherine, lavarci le mani, ma non è per sempre: dopo l’autunno e l’inverno vedremo la luce“. A conferma delle parole di speranza del ministro Speranza, e mai gioco di parole appare più riuscito, il fatto che il vaccino in collaborazione fra l’azienda Astrazeneca e l’università di Oxford è ripreso dopo uno stop precauzionale per un problema su un volontario: “E’ una buona notizia? Molto, il caso anomalo riscontrato non era legato al vaccino. Come Unione europea stiamo comprando un pacchetto 6+1, quello di AstraZeneca è uno dei sei ed è in fase più avanzata. Ci sono anche gli altri però. E stanno per arrivare cure innovative: a Siena il professor Rino Rappuoli sta facendo un lavoro straordinario sugli anticorpi monoclonali da cui verranno fuori farmaci efficaci”.

SPERANZA SULLA SCUOLA: “NON ABBIAMO LA BACCHETTA MAGICA MA…”

Da domani inizia una nuova sfida per il governo e l’Italia intera, la riapertura delle scuole, e Speranza si sente di difendere a spada tratta la ministra Azzolina: “Non abbiamo bacchetta magica. Basta polemiche inutili sulla scuola, non è un problema della ministra Azzolina, ma di tutti noi”. Speranza difende anche l’operato dell’esecutivo in questi mesi: “Abbiamo lavorato con Regioni, Province e Comuni a partire dal documento sulla gestione dei casi Covid, approvato all’unanimità. Abbiamo fatto più che negli altri Paesi europei. Nessuno pensa che la situazione sia perfetta, non abbiamo la bacchetta magica e i problemi della scuola italiana non nascono col Covid. Ma ci sono risorse senza precedenti, stiamo provando a investire sul personale scolastico e sulle attrezzature, forniremo 11 milioni di mascherine al giorno a tutti gratuitamente”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA