Suicidio Epstein, “negligenza e cattiva gestione nella prigione federale”/ Fu responsabilità dello staff

- Josephine Carinci

Epstein, il suicidio nel 2019 sarebbe arrivato a causa di "negligenza e cattiva gestione nella prigione federale" di Manhattan, dove era rinchiuso. Il rapporto

Jeffrey Epstein Jeffrey Epstein

Jeffrey Epstein, trovato morto in una cella con un lenzuolo legato intorno al collo nel 2019, è morto suicida a causa di “negligenza e cattiva gestione nella prigione federale” di Manhattan dove era ospitato. È quanto emerge dal rapporto dell’ispettore generale del Dipartimento di Giustizia, pubblicato martedì dopo un’indagine durata anni. L’ispettore ha scoperto che la dirigenza e i membri dello staff del carcere, il Federal Metropolitan Correctional Center, hanno creato un ambiente in cui il signor Epstein, finanziere accusato di traffico sessuale, aveva ogni possibilità di uccidersi.

L’ispettore generale, Michael Horowitz, ha inoltre deferito due supervisori della struttura responsabile di garantire la sicurezza del signor Epstein. I due sono stati oggetto di un procedimento penale da parte del procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York dopo che sono stati sorpresi a falsificare documenti e mentire agli investigatori. L’ispettore generale ha concluso che i membri del personale della prigione “hanno commesso una grave cattiva condotta e inosservanza dei loro doveri”.

Epstein aveva già tentato il suicidio

Gli investigatori hanno analizzato 100.000 documenti e condotto dozzine di interviste ma “non hanno scoperto prove” che contraddicevano la conclusione del Federal Bureau of Investigation secondo cui Epstein sarebbe morto suicida con un cappio fatto da lui stesso. Le circostanze, però, hanno aiutato il finanziere a portare a termine il suo piano. Per ragioni che rimangono poco chiare, i membri del personale della prigione hanno permesso al signor Epstein di accumulare coperte, biancheria, biancheria da letto e vestiti extra, nonostante avesse tentato di impiccarsi in precedenza. Tutto ciò, violando un ordine permanente inteso a impedire all’imprenditore atti di autolesionismo.

Il rapporto dell’ispettore generale arriva quasi quattro anni dopo il suicidio di Epstein, 66 anni. Il finanziere era in attesa del processo per traffico sessuale federale e accuse di cospirazione. Se condannato, avrebbe rischiato fino a 45 anni di carcere. Due giorni dopo la morte, il procuratore generale William P. Barr ha dichiarato che c’erano state “gravi irregolarità” nella prigione. In seguito ha parlato di “una tempesta perfetta di fallimenti”. Già due settimane prima di uccidersi, Epstein aveva provato a togliersi la vita: era stato trovato in cella con lividi intorno al collo dopo che un giudice federale di Manhattan aveva negato la sua richiesta di essere rilasciato in detenzione domiciliare.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Usa

Ultime notizie