Torino, la maga Wonda “blocca” lo sgombero/ “Hanno paura del malocchio”

Torino, la maga Wonda incute timore a tal punto da rinviare lo sgombero dello stabile occupato di Borgo Dora: ecco cos’è successo

torino maga wonda
Torino, la maga Wonda

Torino, la Maga Wonda blocca lo sgombero del palazzo occupato di Borgo Dora: nessuno sfratto per «paura del malocchio». Una storia che ha dell’incredibile, come spiega La vita in diretta: nel palazzo abitano stranieri e anarchici, che non hanno alcuna intenzione di abbandonare le proprie abitazioni. I proprietari stano cercando di far valere i propri diritti da quattro anni, istanze su istanze, ma per il momento la situazione non è cambiata: ci sono sentinelle dappertutto e ogni volta che si decide di ordinare lo sgombero ci sono catene di 60-70 persone che non lo permettono, con le forze dell’ordine che rinviano l’operazione per evitare scontri. Ma non solo: un altro dei motivi del mancato sfratto risale alla maga Wonda, fattucchiera maestra di scienze occulte che fa incantesimi e magie.

TORINO, MAGA WONDA “BLOCCA” SGOMBERO: “PAURA DEL MALOCCHIO”

«La cosa è stata denunciata da alcuni condomini, lavora solo con donne verso uomini: fa sortilegi e riti particolari per estorcere denaro», spiega un testimone ai microfoni de La vita in diretta: un vero e proprio incubo per tutti. Per molte persone questa strega sarebbe una benefattrice «che si fa pagare poco e a volte neppure quello», con Il Giornale che ha ripercorso la vicenda: gli amministratori della proprietà non vorrebbero mettersi contro la maga, tanto che la polizia interviene raramente vista la poca insistenza. Tutti, dunque, temono una possibile vendetta della fattucchiera, che ogni sei mesi rinnoverebbe una magia sul pianerottolo della sua abitazione per evitare che qualcuno degli inquilini se ne vada. Pena? Fulmini e saette sul cammino di chi abbandonerà la palazzina…



© RIPRODUZIONE RISERVATA