ULTIME NOTIZIE/ Oggi ultim’ora: Mons. Cuccarese indagato per tentato riciclaggio

- Fabio Belli

Ultime notizie, ultim’ora di oggi: Brescia, Mons. Cuccarese indagato per tentato riciclaggio (18 febbraio).

Monsignor Francesco Cuccarese
Monsignor Francesco Cuccarese (YouTube)

È indagato per tentato riciclaggio l’anziano Monsignor Francesco Cuccarese, 90enne ex arcivescovo di Caserta e Pescara-Penne Matera: la Procura di Brescia lo ha posto nel registro degli indagati all’interno della maxi inchiesta su evasione fiscale da 80 milioni di euro con fatture false per addirittura mezzo miliardo di euro. Ma nel filone dell’inchiesta “Evasione continua” viene citato anche l’arcivescovo che avrebbe provato – secondo l’accusa – a favorire l’apertura di un conto corrente allo Ior: «Il tentativo è stato bloccato dalla polizia vaticana», spiegano ancora dalla Procura di Brescia in merito al monsignor Cuccarese. Come riporta Milano Fanpage al centro delle indagini vi sarebbe una donazione di vecchi titoli numismatici “spacciati per milionari”: in pratica il prelato sarebbe stato convinto dai truffatori di impiegare quelle risorse per opere benefiche in Palestina. Cuccarese aveva allora richiesto un’apertura di conto presso lo Ior ma solo successivamente gli accertamenti degli investigatori avevano stabilito che i titoli erano inutilizzabili. (agg. di Niccolò Magnani)

ULTIME NOTIZIE, SALVINI A NAPOLI: SARDINE “NON È GRADITO”

Il leader della Lega Matteo Salvini è in visita a Napoli dove terrà un comizio alle 18,30 al Teatro Augusteo, in piazzetta Duca d’Aosta ma ha cancellato l’appuntamento al Centro sportivo Pino Maddaloni in Via della Resistenza, a Scampia. Il responsabile del centro, Gianni Maddaloni, si è detto dispiaciuto e al mattino spiega «sono per la legalità e la sicurezza, per questo apprezzo Salvini. Apprendo ora che non verrà, domani nella nostra palestra e avrà avuto le sue ragioni, io lo aspettavo per avere conferma su legalità e sicurezza e non chiudo la porta, quando vorrà venire la nostra porta è aperta». L’attacco però contro Salvini – e la possibile spiegazione del cambio di programma in extremis – arriva dal leader delle Sardine Mattia Santori: «il trasformismo non paga e lui sa benissimo che non è un ospite gradito». Come sempre in ogni appuntamento pubblico di Salvini ci sarà a pochi chilometri un evento in piazza delle Sardine: ancora Santori «Stasera da una parte, c’è chi parlerà di lavoro e chi invece cercherà di convincere i napoletani che non vuole più lavarli con il fuoco, questo farà la differenza». La battaglia in vista delle Regionali in Campania è appena cominciata ma è già bagarre, con lo stesso Salvini che rilancia a Rete 4 «Penso che i cittadini napoletani e campani si meritino qualcosa di più rispetto alle chiacchiere di De Magistris e di De Luca». (agg. di Niccolò Magnani)

ULTIME NOTIZIE MAFIA: ARRESTATO BOSS GAETANO SCOTTO

Maxi blitz contro Cosa Nostra della Dia di Palermo: è stato arrestato il presunto “boss” dell’Arenella Gaetano Scotto insieme agli altri due fratelli Pietro e Francesco, nell’ambito dell’operazione “White Shark”. Secondo i magistrati della Dda, dopo la scarcerazione – è stato accusato ingiustamente dell’omicidio del Giudice Paolo Borsellino e coinvolto per anni nel processo per la Strage di Via d’Amelio – «era tornato a svolgere il ruolo di capo della famiglia mafiosa del quartiere Arenella, la zona dei Cantieri navali», riporta Repubblica. Tirati in ballo da dichiarazioni del pentito Enzo Scarantino, sono stati assolti e scagionati da un altro pentito (Gaspare Spatuzza) nel 2008: ora però l’accusa mossa dalla procura di Palermo è l’omicidio del poliziotto Nino Agostino e della moglie Ida Castelluccio, uccisi a Villagrazia di Carini il 5 agosto 1989. Secondo l’Ansa, Giuseppe Scotto è accusato di essere il mandante e pure l’esecutore del delitto assieme al capomafia di Resuttana Antonino Madonia, ad oggi in carcere col 41bis per precedenti reati di mafia. (agg. di Niccolò Magnani)

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: QUASI 2MILA MORTI

Secondo le ultime notizie, i morti in Cina per l’epidemia del coronavirus sono quasi 2000, dopo i 110 decessi registrati ieri a Hubei, epicentro del focolaio. Gli esperti internazionali, giunti a Pechino, stanno decidendo come evacuare i 35 italiani bloccati in quarantena sulla nave. In Giappone le autorità governative hanno deciso di cancellare la festa di compleanno dell’imperatore a causa della diffusione del coronavirus. Anche la sessione plenaria del parlamento cinese, un appuntamento annuale che si tiene il 5 marzo, è stata posticipata per prudenza. Intanto la task force dell’Organizzazione mondiale della Sanità sta controllando i criteri di conteggio dell’epidemia. Mi Feng, speaker della Commissione sanitaria nazionale cinese, ha confermato che la diminuzione dei morti in Cina sta prendendo il controllo sulla diffusione dell’epidemia. Intanto le persone ricoverate presso gli ospedali dei Huebei sono oltre 40.000. Più di 1800 sono in condizioni gravi e 7 mila in condizioni critiche. In totale sono 58 mila le persone contagiate dal coronavirus, di cui 41 mila nella sola città di Wuhan. Pechino ha introdotto misure restrittive ai residenti. Gli abitanti di Pechino non posso uscire di casa se non in caso di necessità. Le autorità governative hanno vietato l’uso delle auto fino a nuovo ordine.

ULTIME NOTIZIE, EVACUAZIONE DALLA DIAMOND PRINCESS

L’America, Austria, Canada, Corea del sud, Hong Kong e Taiwan hanno deciso di evacuare i propri cittadini dalla nave. Quattordici americani, risultati positivi al test del coronavirus, sono in volo verso gli Stati Uniti. In una nota il Dipartimento di Stato e quello della Sanità Usa hanno fatto sapere che i passeggeri americani si trovano sull’aereo in un’area di contenimento secondo il protocollo standard. Alcuni americani hanno espresso l’intenzione di non essere evacuati dalla nave crociera, giudicando il piano di governo di Washington poco prudente. Sulla nave crociera 355 persone risultano positive al test del coronavirus.

ULTIME NOTIZIE, AURORA GRAZINI MORTA DOPO LE DIMISSIONI DALL’OSPEDALE

In data 14 febbraio Aurora Grazini era stata al pronto soccorso dell’ospedale di Belcolle a causa di un malessere. La ragazza di 16 anni era stata dimessa dopo qualche ora. Secondo le prime ricostruzioni, la ragazza si era recata al pronto soccorso per un attacco di panico. Grazini non avrebbe accusato dolori fisici. Dopo la dimissione la ragazza è tornata a casa e si è addormentata sul letto dei genitori dopo avere preso delle gocce prescritte, come confermato dai nonni. Il giorno successivo Aurora non si è più svegliata. Gli inquirenti hanno acquisto il referto dell’ospedale di Belcolle. Nella giornata di domani verrà predisposta l’autopsia per accertare le cause del decesso. Intanto il pubblico ministero sta procedendo per omicidio colposo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA