BLOOPERS/ La mazza di Alice in Wonderland, la catena di Ritorno a Cold Mountain e lo zaino di Notte prima degli esami

- Dana e Spinoza

DANA E SPINOZA tornano come ogni venerdì ad accompagnarci alla scoperta degli errori e delle sviste contenuti nei tanti film in programmazione televisiva questa settimana

notte_prima_esami_r439
Una scena del film Notte prima degli esami

Ciao Spino!

Oggi sono traumatizzata da uno dei compiti di mia cugina.

I compiti… di tua cugina? In che senso?

È che gli insegnanti moderni insegnano poesia anche con le canzoni dei grandi del passato e non sempre capiscono che potrebbe essere molto pericoloso. Tipo, la profia ha dato a mia cugina da commentare “Non è Francesca” di Battisti. Lei cosa scrive a una che si aspetta un’analisi grondante poetica meraviglia?

Non saprei. Ma dai gggiovani d’oggi mi aspetto di tutto. Spero non un commento buonista alla Vincenzo Mollica…

No, cito testuale: “L’autore è un illuso.”

Ha il dono della sintesi, la cuginetta… E nemmeno posso darle torto, in effetti, soprattutto perché uno che dice qualcosa tipo “Lei è sempre a casa, che aspetta me…” ti fa commentare una roba tipo “Oh, yeah, sure… credici…”. Ma cominciamo a blooperare, che a smontare le vecchie glorie della canzone italiana c’è tempo. “Alice in Wonderland” (21.05, Rai2), dai, film di Tim Burton con (maddai?) Johnny Depp e la Helena Bonham-Carter (in Burton…), e con Alan che fa la voce del Brucaliffo, amorevolmente definito da me medesima “il Vermino Cannaiolo”. Dici che se la prende? No, chiedo… Durante la partita a croquet della Regina Rossa, vediamo che lei si fa dare la mazza-fenicottero dal Dodo. In una inquadratura, la mano è messa in un modo diverso rispetto allo stacco successivo, più ravvicinato (in quest’ultimo, la mano risulta più aperta).

Sveglia, la cuginetta. Quanti anni ha, trenta?

 

Undici. È molto sveglia, però… 

 

Io scelgo “Dracula”, quello degli anni ’70, alle 21 su RaiStoria. Ecco mi fa un po’ ridere questo, come se dessero “Flash Gordon” su National Geographic… In ogni caso, è vero che i vampiri non si riflettono negli specchi, ma in un’occasione questo è visibile riflesso… sull’acqua!

Domani, mentre sghignazzo ancora al pensiero del cesto di lumache che doveva essere Luciotto Battisti mentre si convinceva che “era vestita di rosso, lo so, ma non è Francesca” e che “se era abbracciata a lui no, non può essere lei” (ceeeeeertooo…), vediamo “Don’t say a word”, alle 21.30 su Rete4, gran consiglio per parecchi cantautori, come poi ti dimostro. Qui è bello intanto notare che Douglas scrive un appunto per l’uso del cellulare per la moglie… che poi rivediamo scritto in maniera totalmente diversa. A proposito di lumache, eh?

Uh, “Fargo” alle 22.40 su Rai 4. Per una curiosa scelta ogni qualvolta un personaggio del film apre la portiera dall’auto senza spegnere i fari, il regista ci fa ascoltare l’odioso bip bip che ci ricorda di spegnerli. Anche nella scena in cui il poliziotto Marge vede la Sierra color ambra e scende dall’auto sentiamo il bip bip, ma i fari dell’auto sono spenti.

Dicevo di “don’t say a word”. Ecco, basta ascoltarsi Baglioni in “Questo piccolo grande amore” che  mi chiedo come sia possibile che abbia ammesso che “non sono sicuro se ti amo davvero” e poi si chieda pure come mai “lei tutto ad un tratto non parlava, ma le si leggeva chiaro in faccia che soffriva”. Se te lo chiedi davvero sei oggettivamente tordo, fine. Domenica “Tu la conosci, Claudia?” (21.30, Canale5). Film comico che ci sta, dai. Nella scena in cui Giovanni fa pipì nel vaso di Giacomo, notiamo riflesso nella televisione il volto di un tizio della troupe…

Vogliamo parlare invece dei Queen che ci dicono chiaramente “Flash! Aaaaahahaaa!”. È importante.

“La guerra dei mondi”, via, quella di Spielberg. Italia1, 21.25. Tra tutti i possibili errori scientifici, pseudo-tali e cose così, io preferisco uno semplice semplice: nei titoli di coda appare un “aquisitore”, con una c in meno…

 

Lunedì, preferirei non tagliarmi le vene ascoltando un cantautore depresso, quindi me lo tengo in caldo per martedì. Segnalo giusto “Ritorno a Cold Mountain” (21.05, Rai3): quando Inman, unico sopravvissuto tra i disertori incatenati dagli uomini della Guardia Nazionale, cerca di liberarsi dai cadaveri legati a lui dalla catena si vede tra essi un nero che chiude un po’ la mano e se la porta sotto il corpo, producendo un movimento che non sembra avere relazione alcuna con lo spostamento prodotto dal protagonista.

 

“Miracolo nella 34esima strada”, Canale 5, 21.10. Mamma mia quanti danni fa il Natale. Un errore un po’ inquietante: Il giudice, come si legge dalla targa sulla sua porta, si chiama Henry Harper, ma quando viene annunciato in tribunale, si dice che si chiama Joseph Harper. Non so se vorrei essere giudicato da uno di cui non si sa bene neanche il nome…

 

Martedì, andiamo a rompere le cipolline a Venditti: “Lo sai o non lo sai che per me sei sempre tu la sola… chiama quando vuoi, basta un gesto o forse una parola”. Non so perché, ma io sospetto che la soggetta in questione gliela abbia anche detta, ‘sta parola, ma che lui non l’abbia per niente capita… così, una sensazione…

“Notte prima degli esami”, appunto, alle 21.15 su RaiMovie. E qui segnalo, da brava bimba che ha passato la sua infanzia negli anni ’80 ed è andata a scuola fra gli ’80 e i ’90, che nessuno di noi avrebbe mai osato farsi vedere in pubblico con uno zaino diverso da un Invicta o, se proprio, un Seven. Mai. E ancora oggi se si vede un soggetto Invictamunito che zampetta allegro per le capitali europee si può star certi che trattasi di un italiano immatricolato negli anni ’80.

 

“Angel eyes – Occhi d’angelo”, su Canale 5 alle 23.20. Quando la Lopez dà il pugno al fratello dopo il litigio con la moglie, lui si riempie la bocca e il mento di sangue, ma nell’inquadratura successiva il sangue sparisce.

 

Mercoledì mi rinfranco con “Il libro della giungla” (21.10, Rai1), che lì al massimo c’era Baloo che saltellando comunicava che “bastan poche briciole, lo stretto indispensabile e i tuoi malanni puoi dimenticaaaaar!” e finita lì, cosa che in tempi di crisi tira anche un po’ su il morale. E appunto durante la canzone “Lo stretto indispensabile”, l’orso Baloo piega una palma per permettere a Mowgli di servirsi comodamente da un casco di banane. Ma quando Mowgli alza gli occhi indispettito, sulla palma sono apparsi altri due caschi. A proposito di “stretto indispensabile”…

 

“Vi presento Joe Black”, su Retequattro alle 21.10. A un certo punto del film la figlia del signor Parrish, taglia una piccola fetta di torta, ma nell’inquadratura successiva si vede che la torta è tagliata per metà!

 

Giovedì, ultimo giorno, mi sono tenuta uno stalker: Masini e la sua “L’amore sia con te”, che si gloria di dire che ha “messo le radici là sotto casa tua e finché c’era la tua luce non andavo via”. E ammette pure di aver spiato un botto di “baci dell’addio”. Ciccio, credimi… non è una strategia vincente, a meno che tu non voglia conoscere personalmente il maresciallo dei carabinieri di zona.

 

E poi, quando lei si arrabbia, le dà della “bella str*za” e le dice persino “va***ulo”.

Eh, quando una non capisce che uno non è uno stalker ma è solo innamorato… Fanciulla, credi a me: FUGGI!

“The village”, 22.40 su Rai4. Quando la cieca scopre che il suo ragazzo, Lucius, è stato accoltellato, lo abbraccia e poi scoppia in un disperato pianto. Gli altri che accorrono la strappano dal fidanzato e si può notare come il suo vestito bianco sia pulito. Nella scena immediatamente successiva, però, è completamente sporca di sangue sul vestito, all’altezza della pancia. Oooops…

 

Per la serie dei filmacci all’italiana… bè, non ricade interamente nei canoni, ma credo che “Commediasexi” (La5, 21.10) vada bene. L’onorevole Bonfili e Martina sono nella vasca da bagno e la ragazza stuzzica l’uomo con un piede. Si vede abbastanza chiaramente che il piede della Santarelli è libero dalla schiuma, ma non è così quando i due vengono ripresi con un campo più largo.

 

Spino, facciamo così: tu saluti, io vado a cambiare i cd nel lettore. Fra qualche giorno c’è una data SPECIALISSIMA, che sono CERTISSIMA tu ricordi perfettamente e un umore nero non mi va proprio, ecco.

 

Certo che la ricordo…

 

Spino… se ti chiedessi che data è, saresti in grado di ricordartelo senza che debba usare il nodoso randello che *casualmente* ho in mano? *sbrill*

 

… Natale?

Ragazzi, io me la fuggo perché quel randello non mi piace… a venerdì prossimo sempre qui su ilsussidiario.net e quando volete voi su www.blooopers.it e http://multiplayer.it/forum/bloopers… Aiutooooooooo!!!!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie di Una settimana da blooper