BLOOPERS/ La spallina de I favolosi Baker e i vestiti sbagliati di Billy Elliot e Trappola in alto mare

- Dana e Spinoza

In assenza di DANA e SEVERIA, questa settimana SPINOZA si trova ad andare a caccia di errori nei film trasmessi in tv in compagnia di improbabili amici

Pfeiffer439
La "favolosa" Michelle Pfeiffer in una scena de "I favolosi Baker"

Dana mi ha mandato un messaggio strano l’altro giorno, diceva solo “È troppo! È troppo! Stavolta Severia ha passato il segno. La porto dal comportamentista (sappi che esistono e non basire)! Ti lascio carta bianca, bloopera tu!”

Io basisco, per forza di cose, e dopo esser basito devo trovare un compare di blooper per oggi. Gatti non ne ho, sono allergico. Cani nemmeno, sono allergico anche a loro. Sarei allergico anche agli acari della polvere, e mi piacerebbe poter dire che non ho polvere a casa… in ogni caso, i miei acari non parlano, né tantomeno vedono blooper.

Potrei provare col mio pupazzetto scala 1:10 del signor Spock di Star Trek. Leonard Nimoy, ovviamente, mica Zachary Quinto, ché quello è solo buono ad aprire teste. Buongiorno, Spock!

Gli auguri di un buon giorno sono illogici, Capitano. Non cambieranno il fatto che questo possa essere un giorno buono oppure no. Cominciamo a notare le illogicità nelle pellicole cinematografiche?

Che carino che sei, Spock. Va bene, inizia tu.

Molto bene. Oggi 11 gennaio su Italia 1 alle ore 23.20 verrà trasmessa la pellicola intitolata “Outlander – L’ultimo vichingo”. Sembra che il protagonista, interpretato dall’attore Jim Caviezel, appena risvegliato dopo la caduta con l’astronave si metta la mano sulla fronte con la testa piegata all’indietro. Al cambio di inquadratura la testa è chinata in avanti.

Capitano, credo che l’astronave del protagonista non appartenga alla Flotta Stellare. Chiedo l’autorizzazione per formare una squadra di discesa e indagare. È l’unica cosa logica.

Sai cosa, Spock? Non funzioni un granché coi blooper. Mi dispiace rimetterti nella scatola, soprattutto perché mi chiamavi “Capitano”, ma sei out. È l’unica cosa logica…

Io acchiappo “La mummia – La tomba dell’imperatore dragone”, sempre su Italia 1 ma alle 21.10. Nella scena iniziale in cui il marito pesca con la pistola uccidendo tante trote, si vede che la moglie trova uno di questi proiettili semidistrutto all’interno di una delle trote, ma ciò è impossibile: primo il proiettile sparato contro un animale sottile e morbido come una trota lo trapasserebbe da parte a parte; secondo il proiettile penetrando la carne tenera e la lisca molto tenera della trota non andrebbe semidistrutto come si vede nel film.

Vediamo un po’ chi potrebbe sostituire Spock. Proviamo col medico all’ambulatorio sotto casa. Buongiorno dottore! Visto qualche bel blooper di recente?

Buongiorno Spino, mah, di solito mi arrabbio un sacco quando i morti ammazzati da spari non sono credibili. Se colpiti alla testa spesso neanche il cervello fuoriesce…


…ehm, sì grazie dottore, sorvoliamo sui dettagli. E nei film di domani?

Mah guarda, c’è “I padroni della notte”, su La7 alle 22.30. La cicatrice di Joe, sul viso, non coincide con la macchia di sangue sotto le bende in ospedale: in ospedale, infatti, la ferita è sullo zigomo, verso l’orecchio, mentre la cicatrice è sullo zigomo, verso il naso. Io avrei fatto un lavoro molto migliore su quella ferita: il segreto è infilare l’ago per suture bene in profondità nella carne…

… e ringraziamo il dottore che non comparirà mai più nelle pagine di “Una settimana da blooper”. Mi rifaccio un attimo la bocca con “I favolosi Baker”, su Rai Movie alle 21.15. Nella scena in cui la favolosa Pfeiffer (altro che favolosi Baker, è lei quella favolosa), vestita di rosso, riceve un massaggio da parte di Jeff Bridges si nota a un certo punto che lui le fa cadere la “spallina” destra del vestito, ma nella scena successiva la spallina è nuovamente su!!

Per quanto riguarda domenica pare che ci sia un’invasione di Kubrick su Iris: alle 21 “Full metal jacket” e alle 23 “2001 – Odissea nello spazio”. Lascio il secondo a uno che di astronomia se ne intende, il professor Stephen Hawking. Buongiorno professore!

 

(pausa mentre digita sulla tastiera) Buongiorno a te, caro collega. Sono molto contento che un luminare come te mi abbia contattato per questo nobile scopo. A tale proposito, un errore che non sono mai riuscito a digerire in questo meraviglioso film è il seguente: le stelle nello spazio non si devono muovere! In ogni film di fantascienza c’è la gara a far vedere le stelle muoversi il più veloce possibile, soprattutto in “fantasy” poco plausibili dal punto di vista scientifico come Guerre Stellari, e anche in serie più “serie” come Star Trek, nel quale tra l’altro ho avuto l’onore di recitare nella parte dell’ologramma di me stesso. Caro stimato collega, un saluto e una virtuale stretta di mano per il tuo eccellente lavoro nel campo della scienza!

 

Grazie, professor Hawking!!

Ok, va bene, questo me lo sono inventato. Era solo un sintetizzatore vocale che ho appena installato sul mio pc. Però era un sacco plausibile. Per “Full metal jacket”, io citerei un errore piuttosto sofisticato:  è sbagliata la disposizione dei gradi sulla giacca del generale Hartmann. Il PUC (Presidential Unit Citation) dovrebbe essere sopra gli altri gradi, ma non lo è (è la barra blu per intenderci).

Lunedì. Odio i lunedì. Chi potrei trovare di lunedì che mi dia una mano coi blooper? Bè, ci sono Jake e Elwood Blues che occhieggiano dal quadro-puzzle dei Blues Brothers sopra la mia scrivania. Ehi Elwood, mi hai preso quella crema di formaggio?

 

Mi spiace, l’ho dovuta dare a un tizio giù all’albergo.

 

Fa niente. Qualche bel blooper, Jake?

 

Su Rai 3 alle 21.05 c’è “Il mio miglior nemico”. Penso che il mio miglior nemico sia la mia ex fidanzata col lanciafiamme… ma non è staaata colpaa miaaaaaaaaaaa!

 

Ok, ok, Jake, tranquillo, siamo al sicuro. Allora, il blooper?

 

Ah, già, ok. Achille va a prendere Orfeo in caserma. Visto che Orfeo ha utilizzato la macchina noleggiata per andare a trovare il padre, come è arrivato Achille in caserma? In taxi magari… ma allora chi ha riportato l’auto noleggiata in caserma visto che dovrebbe essere rimasta nei pressi della villa? Cos’è, c’è un servizio di trasporto anche per le auto dei delinquenti?

Ricordo quando anche mio fratello Elwood venne a prendere me al penitenziario… su una macchina della polizia… pfff…

 

E dai, era forte quella macchina. Bè ragazzi, in bocca al lupo per la vostra missione per conto di Dio! Io mi guardo “Billy Elliot”, su La5 alle 21.10. Quando Billy e suo padre litigano, il ragazzo corre fuori di casa e magicamente i sui vestiti sono diversi (questo errore è stato confermato dal regista nei contenuti speciali del DVD).

Uh, martedì c’è Next, lo prenoto, lo prenoto!  Tu che cosa scegli, ometto baffuto del Monopoli?

 

Oh, caro gentiluomo, mi intriga codesta pellicola nomata “…Altrimenti ci arrabbiamo!” Sono persuaso che non farei mai del male a qualcuno al punto di farlo arrabbiare, se non rubare tutte le sue stazioni e farlo pagare per l’albergo in Parco della Vittoria! Comunque, su Retequattro alle 21.10. Nella scena in cui Spencer e Hill vanno al Luna Park di sera, Spencer dà un pugno alla macchinetta delle bibite, facendo uscire parecchie bottigliette. Ma, alla fine della scena, ai piedi della macchinetta si vede una sola bottiglietta. Poi Terence Hill dà un calcio alla macchinetta e fa uscire le monete; ma anche l’unica bottiglietta è sparita, senza che nessuno l’abbia presa.

E tutto questo senza pagare! Mio Dio! Come può funzionare un sistema economico capitalistico in codesta maniera?

Ometto baffuto del Monopoli, spero tanto che andrai in bancarotta il più presto possibile. Nessun “imprevisto” ti salverà.

Come detto, io mi scelgo “Next” con una Jessica Biel da urlo. Italia 1, ore 21.10. Quando il cecchino cerca di fare la chiamata si sentono digitare 3 toni (probabilmente per una chiamata rapida) e poi una voce registrata dice che il numero è inesistente e di controllare se è stato scritto correttamente. Poco dopo viene inquadrato il cellulare da vicino con la scritta NO SIGNAL (dato che i ponti sono stati interrotti). Se non ci fosse il segnale, però, non sarebbe possibile sentire nemmeno la voce registrata.

Mercoledì lascio volentieri “La verità è che non gli piaci abbastanza” (Rai 1, 21.10) al mio ospite, Braccio di Ferro. Un titolo che risponde precisamente alla domanda che ti sarai fatto mille volte: “perché Olivia cerca sempre di tradirmi con Bluto?”

 

Sì, me lo sono chiesto un sacco di volte. Credo che sia per via degli spinaci, magari rendono l’alito sgradevole?

 

Può essere. O forse è per il fatto che hai i bicipiti sugli avambracci, invece che sugli omeri. Dai, blooper?

 

Ok. Sigh. Beth e Neil si baciano in barca. Lui le mette una mano sulla guancia, ma al cambio di inquadratura è sulla spalla.

Perché Olivia a me non mi bacia mai?

 

Magari se ti levassi ogni tanto la pipa di bocca…

Io vado di “Trappola in alto mare”, Retequattro, 21.10. Quando Steven Seagal incontra Erika Eleniak (Miss Luglio) lei (s)vestita con perizoma e giacchetta minimal da marinaio, poco dopo riappare completamente vestita (prima era un po’ meglio…) con abiti della sua misura. Tre le possibilità: o hanno avuto la fortuna di infilarsi nella stanza dove le aveva i vestiti che aveva quando è arrivata, o lui da cavaliere è andato a cercarli nonostante il casino, oppure c’è qualche marinaio con misure da pin-up…

E finalmente siamo arrivati a giovedì, per la giornata dei filmacci all’italiana ho invitato Er Monnezza qui.

 

Prima de tutto, i firmacci all’italiana li farà la fregnacciona de tu’ madre. Anvedi sta zecca…

 

Calmati, calmati, Er. Posso chiamarti Er?

 

Ma chiamame un po’ come caa…

 

Ehm, ok ok, ho capito. Che blooper hai trovato?

 

Guarda, ce sta un firm coll’attore che m’arisomija un sacco. “Vamos a matar compañeros”, su Iris all’1.15 , con Tomas Milian. Troppo una sagoma sto tizio! Nsomma, sur treno dove stanno Franco Nero e Tomas Milian ariveno i rivoluzionari. ‘A sgallettata che sbatte er fucile ‘n pancia a Tomas Milian manco lo sfiora!

 

Eh, i film di una volta. Di mattina su RaiMovie, alle 11.45, c’è “Fratelli d’Italia”. La ditta Sauli è produttrice di pandori, Sabrina Salerno e Jerry vedono in tv gli spot presentati da Gino Sauli che li spaventa, ma dato che il film è ambientato all’inizio dell’estate non capisco come potessero trasmettere pubblicità di pandori.

 

Perché, uno er pandoro nun se lo po’ magnà quanno je pare?

 

Certo, certo, Er. Senti, è ora di chiudere qua, la gente ha da fare. Magari andarsi a rivedere “Delitto al Blue Gay”. Saluti tu?

 

Evvabbè! A regà, se lo semo visti. Si vvolete noi semo sempre qua, su ilsussidiario.net, ma buttate n’occhio pure su www.bloopers.it e http://multiplayer.it/forum/bloopers. E ricordateve: se nvece dell’asino te danno er mulo, te magna, sta’ zitto e vaffan…

 

SALUTI A TUTTI ANCHE DA PARTE MIA!!! Dana torna ti prego!!!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori